Martedì, 18 Maggio 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Crotone, il sindaco difende l'assessore indagato: "Massima fiducia in Scandale"
L'INDAGINE

Crotone, il sindaco difende l'assessore indagato: "Massima fiducia in Scandale"

di
Il caso del titolare del Bilancio imputato di truffa per una vicenda privata
Antonio Scandale, Catanzaro, Cronaca
Il Comune di Crotone

«Piena fiducia» nell’assessore, Antonio Scandale, come amministratore, professionista e uomo. Da un lato c’è il sindaco di Crotone, Vincenzo Voce che difende a spada tratta il titolare della delega al Bilancio finito al centro di un’inchiesta della Procura con altre due persone, con l’accusa di truffa ed altri reati societari; dall’altro c’è chi come Fratelli d’Italia chiede la rimozione di Scandale dalla giunta: «E’ un dovere morale, per chi guida l’amministrazione – osserva il dirigente di FdI Giovanni Iaconis - sollevare dall’incarico l’assessore imputato con l’augurio di una rapida e positiva risoluzione della vicenda processuale».

Nei confronti dell’assessore è scattata un’imputazione coatta disposta dal giudice delle indagini preliminari in merito a due operazioni finanziarie, avvenute tra il 2015 e 2016, della “Limelight 2 Srl”, la società della quale Scandale era «amministratore di diritto». Un procedimento avviato su querela della presunta parte offesa

«Ho appreso dell’esistenza di un provvedimento relativo alla fase embrionale di un procedimento penale – scrive il primo cittadino in una nota - emesso a seguito di due richieste di archiviazione da parte della Procura della Repubblica». Dopodiché, aggiunge, «ne ho preso atto e ripongo la massima fiducia nell’operato degli organi inquirenti rispetto ad una vicenda che non ha nulla a che vedere con l’operato amministrativo dell’assessore e che attiene a fatti esclusivamente privatistici». Non solo. Voce precisa che «a ciascun candidato» delle sue liste, «a ciascun collaboratore» dello staff che l’affianca, e «a ciascun membro della Giunta» ha chiesto «copia di un certificato di carichi pendenti e un certificato dal casellario giudiziale».

Leggi l'articolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Catanzaro

© Riproduzione riservata

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook