Domenica, 19 Settembre 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Vibo, il racconto di Mantella: medici al servizio dei clan
LE DICHIARAZIONI

Vibo, il racconto di Mantella: medici al servizio dei clan

di
Il collaboratore di giustizia narra del ricovero fasullo nell’ospedale di Tropea per evitare l’arresto
collaboratore giustizia, medici al servizio dei clan, Andrea Mantella, Catanzaro, Cronaca
Ospedale di Tropea

Un intero reparto di un ospedale pubblico piegato al servizio del boss. Esami manomessi, malattie inventate e ricoveri fasulli, tutto per garantire la libertà agli affiliati. A raccontarlo è il boss vibonese, ora collaboratore di giustizia, Andrea Mantella che punta il dito contro insospettabili professionisti, alcuni medici e un avvocato che non esita a definire «uno di noi» anzi «organico ai Mancuso». Le dichiarazioni del boss secessionista sono contenute negli atti dell’inchiesta Chirone coordinata dalla Dda di Reggio Calabria che nei giorni scorsi ha coinvolto 14 persone e ha svelato l’infiltrazione nella sanità pubblica delle famiglie Tripodi e Piromalli. Lo stesso Mantella ha raccontato di aver utilizzato i medici al servizio del casato di ‘ndrangheta di Gioia Tauro per sfuggire al carcere. Il collaboratore ha spiegato che temendo di essere raggiunto da un’ordinanza di custodia cautelare per l’operazione Goodfellas aveva iniziato a muoversi «sotto il profilo delle certificazioni false per attestare un'incompatibilità con lo stato detentivo».

Leggi l'articolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Catanzaro

© Riproduzione riservata

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook