Martedì, 18 Maggio 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Fusione tra “Mater Domini” e “Pugliese” di Catanzaro: la Corte costituzionale stronca la legge
SANITA'

Fusione tra “Mater Domini” e “Pugliese” di Catanzaro: la Corte costituzionale stronca la legge

di
Illegittimo il testo nella parte in cui «crea una “nuova” Azienda»
sanità, Catanzaro, Cronaca
La Corte Costituzionale

La Corte costituzionale ha bocciato, di nuovo, la legge regionale di integrazione tra le Aziende ospedaliere di Catanzaro. È però la cronaca di una bocciatura annunciata da tempo dopo che la prima stesura della normativa regionale del 2019 presentava dei profili di incostituzionalità rilevati dalla Consulta per nulla sanati dall’intervento-lampo di maquillage disposto dall’allora presidente del Consiglio regionale Domenico Tallini nell’aprile del 2020.

La storia dell’integrazione tra l’azienda ospedaliera “Pugliese-Ciaccio” e l’omologa di estrazione universitaria “Mater Domini” è lunga una ventina d’anni. Figlia del continuo rimpallo di responsabilità tra la politica regionale e locale, tra docenti dell’Ateneo “Magna Graecia” e dirigenti ospedalieri, la situazione è stata vicina a risolversi a giugno 2018 quando, dopo una serie di tavoli tecnici e politici avviati nel 2015 e coordinati dall’allora Commissario ad acta Massimo Scura, l’ex consigliere regionale Arturo Bova aveva depositato una proposta di legge che traendo spunto dalle riunioni, disponeva la fusione tra le due strutture rispettando l’autonomia delle stesse e della struttura commissariale nella definizione della procedura di accorpamento.

Leggi l'articolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Catanzaro

© Riproduzione riservata

TAG:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook