Mercoledì, 28 Settembre 2022
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Riciclava denaro in Piemonte, denunciata un'intera famiglia calabrese
CARABINIERI

Riciclava denaro in Piemonte, denunciata un'intera famiglia calabrese

La prima attività era stata avviata nel 2012 a Serravalle da un pluripregiudicato di Lamezia Terme (Catanzaro), considerato un affiliato alla 'ndrina Iannazzo-Cannizzaro-Daponte e autore materiale di diversi omicidi

Riciclavano denaro attraverso tre “lavanderie” presenti nei centri commerciali della provincia di Alessandria. I carabinieri hanno denunciato un uomo di 41 anni, calabrese e residente a Novi Ligure, insieme alla sua famiglia (suocera, moglie, fratello, madre). Gestivano le lavanderie a marchio «Lava&Cuce» nei centri Panorama di Alessandria, Iper di Serravalle Scrivia e Bennet di Novi. La prima attività era stata avviata nel 2012 a Serravalle da un pluripregiudicato di Lamezia Terme (Catanzaro), considerato un affiliato alla 'ndrina Iannazzo-Cannizzaro-Daponte e autore materiale di diversi omicidi. Era stato lui a intestarla alla moglie del suo uomo di fiducia, residente a Novi Ligure, che poi ha avviato le altre due attività. Le indagini sono iniziate nel 2019. I carabinieri stanno ricostruendo, nel dettaglio, il percorso dei flussi di denaro per individuarne provenienza e destinazione. Le denunce sono scattate, a vario titolo, per i reati di trasferimento fraudolento di valori, impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita e autoriciclaggio; sono stati messi sotto sequestro beni, conti e carte di credito. (ANSA)

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook