Venerdì, 23 Aprile 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Zona rossa e chiusure, a Catanzaro protesta il mondo della bellezza
LE INTERVISTE

Zona rossa e chiusure, a Catanzaro protesta il mondo della bellezza

di
Chiedono di poter riaprire «perché rispettiamo le misure di sicurezza»
Catanzaro, Cronaca

“Mi tagli i capelli? Oppure ho un’altra ragazza che viene a casa e sta già seguendo mia sorella e mia nipote”. Cosa c’è da commentare su una dichiarazione del genere? Di una cliente che chiama la propria parrucchiera di fiducia e, davanti all’urgenza di essere in ordine, messa “a repentaglio” dall’ultimo Dpcm, non ci pensa due volte a fare la sua proposta indecente, mettendo la professionista ad un bivio.
«A causa di queste chiusure prolungate – denuncia Antonella Loprete del salone “Hair Diffusion” di Catanzaro – il lavoro nero sta aumentando e gli abusivi stanno trovando terreno fertile. Nel primo lockdown siamo stati considerati i peggiori untori, poi servizi di prima necessità e, ora, nuovamente 100 passi indietro. Non è servito esserci adeguati alle norme prescritte, aver investito nell’acquisto dei dispositivi di sicurezza».

«La situazione è tragica – afferma Federica Barberio, del centro “Estetica & Benessere” di Catanzaro – Si parlava di 15 giorni, ora è stato confermato un nuovo slittamento al 21 aprile ma sappiamo perfettamente che l’intenzione è quella di portarci oltre al primo maggio con le saracinesche abbassate».

Leggi l'articolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Catanzaro

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook