Martedì, 28 Settembre 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Catanzaro, caso Petrini: si va in secondo grado. La Dda: con la Tassone fu corruzione
TRIBUNALE

Catanzaro, caso Petrini: si va in secondo grado. La Dda: con la Tassone fu corruzione

di
L’ex presidente di sezione della Corte d’Appello è stato condannato a 4 anni e 4 mesi
Marco Petrini, Marzia Tassone, Catanzaro, Cronaca
Marco Petrini e Marzia Tassone

L’ex presidente di sezione della Corte d’Appello di Catanzaro Marco Petrini dovrà affrontare il processo d’appello. Infatti da una parte la Dda di Salerno ha impugnato l’assoluzione decisa dal gup per un capo di imputazione, dall’altra la difesa dell’ex giudice, gli avvocati Francesco Calderaro e Agostino De Caro, hanno presentato appello per la sentenza che ha condannato Petrini a 4 anni e 4 mesi di reclusione. In primo grado il gup Vincenzo Pellegrino aveva assolto Petrini dalle accuse di aver favorito l’avvocatessa Marzia Tassone in cambio di prestazioni sessuali. Il gup di Salerno nelle 156 pagine di motivazioni aveva sottolineato che «gli elementi costitutivi del reato oggetto di imputazione sono radicalmente inesistenti». Ora però con il ricorso presentato dalla Dda il caso sarà discusso dai giudici della Corte d’Appello. Per i pm infatti «si delinea pienamente la fattispecie della corruzione in atti giudiziari».

Leggi l'articolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Catanzaro

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook