Lunedì, 25 Ottobre 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Vibo, le parole di Mantella: così corrompevamo i giudici
LA TESTIMONIANZA

Vibo, le parole di Mantella: così corrompevamo i giudici

di
Seconda udienza dedicata al pentito nel maxi processo Scott Rinascita
processo scott rinascita, Andrea Mantella, Catanzaro, Cronaca
L'aula bunker di Lamezia Terme dove si sta celebrando il processo Scott-Rinascita

«Tutta la corruttela che c’era a Catanzaro, e che è ancora in atto, verrà fuori tra qualche mese». È la chiosa del pentito Andrea Mantella dopo aver descritto quello che lui stesso ha definito «sistema» di cui per anni i boss della ‘ndrangheta si sarebbero serviti per “risolvere” i propri problemi con la giustizia. Nella seconda udienza del processo Rinascita Scott dedicata all’escussione dell’ex boss vibonese, collaboratore di giustizia dal 2016, si inizia a dipanare la nebbia che avvolge i rapporti tra clan e insospettabili professionisti, la cosiddetta zona grigia finisce così sotto i riflettori.
Rispondendo alle domande del sostituto procuratore Antonio De Bernardo, il collaboratore ha parlato del ruolo svolto da alcuni avvocati catanzaresi che avrebbero fatto da “canale” con giudici corrotti. In pratica, stando racconto del pentito Mantella, bastava pagare per ottenere la libertà, sconti di pena o addirittura insperate assoluzioni. Al centro del sistema vi sarebbe stato l’avvocato Giancarlo Pittelli arrestato nell’ambito della maxi inchiesta e accusato di concorso esterno.

Leggi l'articolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Catanzaro

© Riproduzione riservata

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook