Giovedì, 23 Settembre 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Vibo, il racconto delle cene in Chirurgia con il boss “Scarpuni”
SCOTT RINASCITA

Vibo, il racconto delle cene in Chirurgia con il boss “Scarpuni”

di
Prosegue l’esame del collaboratore di giustizia Andrea Mantella
processo scott rinascita, Andrea Mantella, Gianfranco Ferrante, Catanzaro, Cronaca
L'aula bunker di Lamezia Terme dove si sta celebrando il processo Scott-Rinascita

Non ricorda proprio tutto con precisione perché di «magagne» ne ha fatte tante e, ormai, sono passati 5 anni da quando ha iniziato a collaborare con la giustizia. All’epoca l’ex boss Andrea Mantella aveva un quadro chiaro di tutte le estorsioni che «chiudeva», ma comunque in collegamento con l’aula bunker di “Rinascita-Scott” ricostruisce come funzionava il sistema negli anni in cui «i giornali scrivevano che Vibo era come Beirut». C’erano ragazzi usati come manovalanza dal clan Lo Bianco-Barba – in cui Mantella è cresciuto per poi creare il suo gruppo autonomo in chiave anti-Mancuso – per le intimidazioni a imprenditori e commercianti. Poi c’erano figure che avevano ruolo e importanza diversi, perché facevano da mediatori tra chi pagava per stare tranquillo e chi i soldi li intascava. Era questa, secondo il pentito, la funzione di Gianfranco Ferrante, uno dei principali indagati, che sarebbe stato la «banca d’Italia della ’ndrangheta vibonese» e avrebbe fatto del suo Cin Cin Bar «un punto di ritrovo» per alcuni esponenti di primo piano della malavita.

Leggi l'articolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Catanzaro

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook