Mercoledì, 23 Giugno 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Vibo, Andrea Mantella: l’ospedale era nostro, lo usavamo per i summit
SCOTT RINASCITA

Vibo, Andrea Mantella: l’ospedale era nostro, lo usavamo per i summit

di
Nuova udienza del maxi processo dedicata al collaboratore di giustizia
processo scott rinascita, Andrea Mantella, Catanzaro, Cronaca
L'aula bunker di Lamezia Terme

L’ospedale, il depuratore e perfino il cimitero, a Vibo Valentia tutto sarebbe stato piegato ai voleri delle cosche. Lo ha raccontato ieri il collaboratore di giustizia Andrea Mantella che ha continuato la sua deposizione nel maxi processo Scott Rinascita. Collegato in videoconferenza con l’aula bunker di Lamezia Terme il pentito ha risposto alle domande del sostituto procuratore Antonio De Bernardo ricostruendo affari e infiltrazioni delle cosche in città. Il racconto di Mantella si è concentrato su quanto avveniva nell’ospedale Iazzolino. Una sorta di zona franca per gli affiliati. Grazie ai rapporti con alcuni esponenti politici e al loro diretto intervento, ha sostenuto Mantella, sarebbero stati assunti nel nosocomio vibonese appartenenti al clan Lo Bianco e Barba. Alla domanda del pm su che tipo di lavoro facessero in ospedale gli affiliati, Mantella ha risposto: «Giocavano a carte sotto il pino di fronte». Quelle presenze però, stando al racconto del collaboratore, avrebbero garantito agli uomini del clan di utilizzare indisturbati l’ospedale e il suo personale. Così sarebbero stati rilasciati falsi certificati medici come quello ottenuto da Mantella per una caduta da cavallo mai realmente avvenuta che gli permise di non tornare in carcere dopo un permesso premio.

Leggi l'articolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Catanzaro

© Riproduzione riservata

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook