Domenica, 26 Settembre 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Sant'Anna Hospital di Catanzaro, venerdì sit-in davanti alla sede Asp
POLITICA PRESENTE

Sant'Anna Hospital di Catanzaro, venerdì sit-in davanti alla sede Asp

Sant'Anna Hospital Catanzaro, vertenza, Catanzaro, Cronaca
La protesta dei dipendenti del Sant'Anna Hospital davanti alla sede dell'Asp di Catanzaro nel dicembre 2020

“Si fa presto a dire “eccellenza”. E che il Sant’Anna hospital sia il miglior polo cardochirurgico della regione lo certifica l’Agenas, che ha inserito la clinica cardiologica che rischia la chiusura fra le prime 10 strutture d’Italia: il 35% del totale delle operazioni cardiovascolari di tutta la regione vengono eseguite nella struttura sita a Catanzaro, nel cuore del quartiere Pontepiccolo. Sono questi i numeri di cui spero l’Asp di Catanzaro tenga conto quando, venerdì mattina, incontrerà il vertici del Sant’Anna per stabilire il fabbisogno delle prestazioni”. È quanto afferma la vicepresidente del Consiglio comunale, Roberta Gallo, che venerdì 21 maggio prenderà parte al sit in organizzato davanti la sede dell’Asp per esprimere la propria solidarietà ai dipendenti della clinica Sant’Anna hospital. “Da consigliera comunale e da cittadina non posso che avere a cuore prima di tutto le persone: per questo voglio essere al fianco dei lavoratori, dei pazienti e delle loro famiglie che ancora una volta saranno davanti agli uffici dell’Azienda sanitaria per tenere alta l’attenzione su questa vertenza che li mette a dura prova da mesi”, ha aggiunto Gallo. “Il Consiglio comunale ha cercato di mantenere alta l’attenzione sulla vertenza, avviando interlocuzioni istituzionali che si sono rivelate incisive nel rilanciare una vera e propria forma di resistenza alla chiusura della clinica che sarebbe un disastro non solo per i dipendenti e i pazienti, ma per un intero quartiere che subirebbe un contraccolpo economico e sociale difficile da assorbire. La nostra presenza davanti agli uffici dell’Asp mentre si deciderà un importante tassello della ridefinizione dei rapporti della clinica con la sanità pubblica – ha proseguito la vicepresidente - servirà, ancora una volta, come segno tangibile di una vicinanza umana e politica che ha permesso, fino ad oggi, al Sant’Anna hospital di non perdere la speranza di arrivare alla soluzione definitiva di una controversia prima di tutto finanziaria. Il Sant’Anna hospital – ha concluso Gallo – deve firmare i contratti di servizio con l’Asp in modo da vedersi garantita la tranquillità economica necessaria ai lavoratori per riprendere la propria serena quotidianità. Ma soprattutto ai pazienti e alle loro famiglie di riporre le valigie, quelle che probabilmente dovrebbero preparare per curarsi altrove, qualora la clinica non riaprisse in maniera piena e attiva le porte dei propri ambulatori e delle proprie sale operatorie”.

Pure il consigliere comunale Luigi Levato (Catanzaro con Abramo) sarà presente al sit-in organizzato per venerdì 21 maggio presso la sede dell’Asp di Catanzaro per l’incontro convocato dall’Azienda sanitaria con il Sant’Anna Hospital. «Mi associo all’iniziativa promossa da alcuni colleghi consiglieri per esprimere l’assoluta vicinanza, nel nostro ruolo di rappresentanti della massima assise cittadina, ai dipendenti e ai pazienti dell’importante presidio sanitario. In questi mesi, la vicenda Sant’Anna ha riempito le pagine dei giornali, facendo emergere tutte le preoccupazioni di centinaia di famiglie che lavorano da anni nella struttura e che hanno contribuito, con la loro professionalità, a farla diventare un punto di riferimento d’eccellenza nel Sud e in tutta Italia per l’assistenza cardiochirurgica. Dall’Asp ci attendiamo, dunque, un intervento finalmente decisivo, chiesto a gran voce dalle istituzioni e da un’intera comunità, che si è stretta attorno alla grande famiglia del Sant’Anna e che vuole assolutamente scongiurare il pericolo di nuove drammatiche migrazioni sanitarie».

“La grave vicenda che ha investito il Sant’Anna Hospital deve trovare una sua conclusione positiva che possa rasserenare tutti i lavoratori e garantire il diritto alla salute per i tanti utenti, che da anni possono contare su un’assistenza di qualità in campo cardochirurgico”. Lo afferma il consigliere comunale Enrico Consolante (Udc). “Per questo motivo – continua - condividendo lo spirito della mobilitazione messa in campo dai colleghi Riccio, Costanzo e Triffiletti, ho deciso di aderire al sit-in organizzato per venerdì prossimo davanti alla sede dell’Asp di Catanzaro. Se le condizioni di salute me lo consentiranno, dopo essere uscito dal brutto tunnel del covid, parteciperò personalmente alla manifestazione facendo sentire la voce e la presenza del Consiglio comunale. In questi mesi non abbiamo mai fatto venire meno la nostra vicinanza istituzionale, ora l’ultima risposta dovrà arrivare dall’Asp e non potrà che essere risolutiva rassicurando i dipendenti, i pazienti e tutti i catanzaresi che non vogliono rinunciare alla sanità d’eccellenza”.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook