Venerdì, 17 Settembre 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Vibo, confermato il “41 bis” per il boss delle Preserre Bruno Emanuele
DIA

Vibo, confermato il “41 bis” per il boss delle Preserre Bruno Emanuele

Condannato in via definitiva all’ergastolo per gli omicidi dei fratelli Vincenzo e Giuseppe Loielo di Gerocarne, uccisi nel 2002, e poi per le uccisioni a Cassano Ionio di Nicola Abbruzzese e Antonino Bevilacqua

Confermato il regime del carcere duro (41 bis dell’ordinamento penitenziario) per il boss delle Preserre vibonesi, Bruno Emanuele, 49 anni, di Ariola di Gerocarne. La decisione è del ministro della Giustizia che ha preso atto di alcune informative inviate al Ministero dalla Dia (Direzione investigativa antimafia) e del Comando generale dell’Arma dei carabinieri. Emanuele è stato ritenuto soggetto pericoloso e capace di mantenere anche dal carcere rapporti con l’esterno, per recidere i quali si è deciso di inasprire per lui la detenzione con il carcere duro.
Il boss è stato condannato in via definitiva all’ergastolo per gli omicidi dei fratelli Vincenzo e Giuseppe Loielo di Gerocarne, uccisi nel 2002, e poi per gli omicidi a Cassano Ionio di Nicola Abbruzzese e Antonino Bevilacqua. È stato condannato, inoltre, a 24 anni di carcere per associazione mafiosa, narcotraffico, estorsione ed armi nel processo nato dall’operazione antimafia «Luce nei bischi». I collaboratori di giustizia hanno raccontato di un piano per far evadere Bruno Emanuele.

© Riproduzione riservata

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook