Domenica, 28 Novembre 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Catanzaro, regge l’inchiesta “Cuore Matto”. Tre persone finiscono a processo
INDAGINE

Catanzaro, regge l’inchiesta “Cuore Matto”. Tre persone finiscono a processo

di
La decisione del gup sui presunti illeciti del Sant’Anna Hospital
inchiesta cuore matto, Sant'Anna Hospital Catanzaro, Domenico De Fazio, Gaetano Muleo, Giuseppe Failla, Rosanna Frontera, Catanzaro, Cronaca
Il centro specialistico Sant'Anna Hospital di Catanzaro

Truffa aggravata, frode nelle pubbliche forniture, violenza o minaccia per costringere taluno a commettere un reato, rifiuti di atti di ufficio, per queste accuse il gup del Tribunale di Catanzaro Paola Ciriaco ha rinviato a giudizio tre persone coinvolte nell’inchiesta Cuore Matto, il fascicolo che ha svelato i presunti illeciti avvenuti all’interno della clinica Sant’Anna. Finiscono a processo Rosanna Frontera, 56 anni, di Catanzaro, legale rappresentante della casa di cura “Villa Sant’Anna s.p.a.”; Giuseppe Failla, 65 anni di Catanzaro, ex direttore generale; e Domenico De Fazio presidente della commissione aziendale per l’accreditamento sanitario dell’Asp. A giudizio anche il Sant’Anna Hospital. Stralciata per motivi di salute la posizione di Gaetano Muleo, 75 anni di Catanzaro ma residente a Perugia, direttore sanitario della casa di cura dal 2010 fino ad agosto del 2019. Hanno chiesto e ottenuto di costituirsi parte civile nell’udienza preliminare l’Asp e tre cardiologi che hanno lavorato nella clinica catanzarese. La prima udienza del processo è stata fissata per il 15 marzo prossimo.

Leggi l'articolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Catanzaro

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook