Venerdì, 23 Luglio 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Il procuratore Gratteri agli studenti di Chiaravalle: "Le famiglie mafiose vivono male"
L'INCONTRO

Il procuratore Gratteri agli studenti di Chiaravalle: "Le famiglie mafiose vivono male"

di
Il capo della Distrettuale antimafia accolto dall’entusiasmo degli scolari
chiaravalle, legalità, studenti, nicola gratteri, Catanzaro, Cronaca
Il sindaco Domenico Donato, la dirigente scolastica Maria Carmen Aloi e il procuratore Nicola Gratteri

La presenza sul territorio di Nicola Gratteri procuratore della Repubblica di Catanzaro, accende sempre i riflettori. Mancava dal febbraio del 2017, quando nell’Aula magna dell’istituto Tecnologico aveva tenuto l’incontro con gli studenti delle superiori, adesso, è toccato ai ragazzi della scuola media “Corrado Alvaro”, che hanno concluso il progetto di lettura e dei percorsi di educazione civica e di prevenzione a bullismo cyberbullismo e legalità. Il magistrato catanzarese, ha preferito parlare delle esperienze maturate nella lotta e nel contrasto alla ‘ndrangheta raccontante nei suoi libri scritti con il giornalista Antonio Nicaso mettendo da parte quelle che sono i risultati delle inchieste degli ultimi anni che hanno interessato il comprensorio delle Preserre come Orthrus con i suoi 17 indagati, Imponimento, Rinascita Scott, tanto per citarne qualcuna. «Le famiglie mafiose vivono male – ha detto Gratteri – in quelle realtà ad alta intensità, addirittura, c’è un alto consumo di psicofarmaci e poi c’è la questione delle faide che sono come una sorte di vulcano. Si addormentano per poi esplodere. Lo fanno o sterminandosi tra di loro, oppure combinando matrimoni che sono solo di interesse».

Leggi l'articolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Catanzaro

© Riproduzione riservata

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook