Venerdì, 23 Luglio 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Racket delle onoranze funebri a Reggio: la Dda chiede sette condanne
CASSA COMUNE

Racket delle onoranze funebri a Reggio: la Dda chiede sette condanne

di
Davanti al gup la requisitoria del pm Capece Minutolo
operazione cassa continua, reggio calabria, richieste pm, Catanzaro, Cronaca
Il Tribunale di Reggio Calabria

Mano pesante dell’Ufficio di Procura nei confronti degli imputati (filone con rito abbreviato) del processo “Cassa continua”, l’operazione dei Carabinieri del Comando provinciale che ha incastrato una cellula della ’ndrina Labate, il gruppo che faceva riferimento agli storici affiliati Pietro Toscano e Antonio Laurendi. Ieri davanti al Gup Giovanna Sergi il Pubblico ministero della Direzione distrettuale antimafia, Diego Capace Minutolo, ha completato la requisitoria, ribadendo le accuse e chiedendo sette condanne, con punte che hanno toccato i 20 anni di reclusione a carico di Antonio Laurendi, uno dei presunti vertici dell'organizzazione. Queste nel dettaglio le altre richieste di condanne: Paolo Falco, 14 anni di reclusione; Francesco Toscano, 15 anni; Massimiliano Latini, 14 anni; Vincenzo Laurendi, 2 anni e 8 mesi; Demetrio Cassalia, 2 anni e 8 mesi; Antonio Ventura, 2 anni e 8 mesi. L’accusa nevralgica dell’inchiesta “Cassa continua”, almeno secondo le conclusioni degli inquirenti ribadite anche nella porzione conclusiva della requisitoria, è di aver fatto parte di un gruppo «espressione della cosca Labate».

Leggi l'articolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Reggio

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook