Venerdì, 23 Luglio 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Calabria, l'appello dei vigili del Fuoco: "Siamo pochi, difficile garantire il soccorso ai cittadini"
LA PROTESTA

Calabria, l'appello dei vigili del Fuoco: "Siamo pochi, difficile garantire il soccorso ai cittadini"

Nella giornata odierna USB Vigili del Fuoco Calabria è scesa in piazza sotto la Prefettura di Catanzaro per rivendicare il diritto al soccorso di ogni singolo cittadino, lanciando l’ennesimo appello a tutte le forze politiche assieme a tutti gli organi nazionali, regionali e comunali competenti, al fine di sensibilizzarvi sul tema del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco e prendere tempestivi provvedimenti e risoluzioni sulla serissima problematica dell’elevatissima carenza di organico (missiva consegnata all’organo dell’U.T.G. della Prefettura di Catanzaro ed inoltrata tempestivamente agli organi di Governo e Ministeriali): «Inutile tornare indietro con il tempo su cosa sono e su cosa effettua il Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco sul territorio nazionale, poiché risulterebbe troppo superfluo, vista appunto l’attività sociale nel paese nelle calamità naturali, campagna boschiva alle porte, fattore pandemico e nell’ordinario - che con la vastissima carenza di organico la nostra macchina del soccorso sta camminando sempre di più a rilento. Se pensiamo che i Corpi dei “pompieri” di tutta Europa si basano sugli Standard Europei del soccorso tecnico urgente, in cui prevedono 1 Vigile del Fuoco permanente ogni 1.000 abitanti  - mentre nel nostro paese diversamente da quello europeo:  il rapporto è di 1 Vigile del Fuoco permanente ogni 16.500 abitanti, con 28.000 Vigili del Fuoco permanenti su tutto il territorio nazionale (precisando che di queste 28.000 unità la metà è dislocata tra uffici, Leggi speciali, magazzini, aeroporti, porti, ecc… - quindi quotidianamente nell’operativo per l’ordinario sulle strade ci rimangono le briciole delle unità) - un solo esempio che rispecchia l’intera nazione: in Calabria ad esempio il rapporto è di 1 Vigile del Fuoco ogni 11.211 abitanti.

Con questo sistema sempre di più alla deriva “L’Italia in 20 minuti” voluta fortemente dall’amministrazione centrale oggi diventa “L’Italia dai tanti punti interrogativi”, perché le assunzioni vengono fatte con il contagocce. Inoltre anche quest’anno ci saranno i pensionamenti a iosa e soprattutto ricordiamo che il Corpo Nazionale VV.F. è “debitore” di assunzioni dagli anni passati. Le assunzioni per il Recovery Plan, necessarie per l’attuazione dei progetti relativi al Piano nazionale di ripresa e resilienza (PNRR), perciò sottolineiamo, inoltre, che la Legge di Bilancio 2021 ha autorizzato nuovi concorsi nella Pubblica Amministrazione per reclutare circa 29.600 entro il 2024. A questa cifra vanno aggiunte poi le “Stabilizzazioni” di personale autorizzate dal provvedimento legislativo, che creeranno posti di lavoro nella Pubblica Amministrazione per oltre 50 mila dipendenti pubblici nel giro di 4 anni.

CHIEDIAMO: a questo punto dove andremo a finire, o per meglio dire chi dovrà soccorrere la popolazione se non ci sono unità a disposizione - evidenziando che i precari VV.F. già formati e subito disponibili, sono parcheggiati ancora a casa in attesa di chiamata per la propria stabilizzazione. Per quanto sopra esposto ribadiamo la necessità di Assunzioni tempestive dei VV.F. ancora oggi in attesa. È per questo che anche i Vigili del Fuoco precari in attesa di stabilizzazione, devono essere inseriti nel piano assunzionale straordinario del Recovery Plan (PNRR).

 

 

 

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook