Domenica, 01 Agosto 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Crotone: cancellata l’associazione per Stasi, ma resta lo smaltimento illecito
L'INCHIESTA

Crotone: cancellata l’associazione per Stasi, ma resta lo smaltimento illecito

di
Riguarda la presunta frode milionaria che coinvolge l’ex presidente della Regione. I giudici del Tdl motivano la revoca delle misure cautelari che avevano colpito l’imprenditrice e altri cinque indagati

Non un’organizzazione finalizzata alla gestione illecita dei rifiuti, bensì «singole attività» delittuose che sarebbero state compiute dagli indagati in base a «specifiche situazioni». Da un lato cade l’accusa di associazione a delinquere per Antonella Stasi, la 55enne ex presidente facente funzioni della Regione, e per le altre 5 persone coinvolte nell’inchiesta “Erebo Lacinio” della Procura distrettuale di Catanzaro, su una presunta frode mirata a percepire indebitamente fondi pubblici per 14.532.920,86 euro e su un traffico di rifiuti legato alla produzione di energia da biogas. Mentre dall’altro, continua in parte a reggere il restante quadro indiziario contestato dai sostituti procuratori Paolo Sirleo e Domenico Guarascio, che hanno coordinato le indagini condotte dalla Guardia di Finanza.

Leggi larticolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Catanzaro

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook