Sabato, 04 Dicembre 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Sant’Anna Hospital di Catanzaro, per la ripresa servono 10 milioni
SANITÀ

Sant’Anna Hospital di Catanzaro, per la ripresa servono 10 milioni

di
Senza l’incasso delle prestazioni erogate nel 2020 la clinica cardiologica resta in crisi di liquidità
Sant'Anna Hospital Catanzaro, Gianni Parisi, Catanzaro, Cronaca
La protesta dei dipendenti del Sant'Anna Hospital davanti alla sede dell'Asp di Catanzaro

Per riprendere l’ordinarietà bisogna investire, ma per investire serve una liquidità che al momento il Sant’Anna Hospital non ha. Per la clinica cardiologica che, con la firma del contratto 2021, è appena uscita dal tunnel del rischio chiusura potrebbe presto tornare, dunque, il tempo delle proteste. Sullo sfondo di un caso che tiene banco da mesi adesso c’è infatti una sorta di effetto boomerang, un vero e proprio cane che si morde la coda legato al guinzaglio del contratto 2020: accordo che per la clinica targata Gianni Parisi appare al momento l’unico vero appiglio al quale aggrapparsi per dare corso a una ripresa da fondare almeno su dieci milioni di euro. Sì, perché il tempo della ripartenza è già scattato proprio sulla scia di quel contratto 2021 che ha tirato la struttura fuori dalle secche di una situazione al collasso, ma ora è lo stesso presidente del Consiglio d’amministrazione, Gianni Parisi, a riaccendere i riflettori sui nodi ancora irrisolti per evitare che sul Sant’Anna Hospital cali il sipario. La gara, in effetti, è ripresa, ma il taglio del traguardo è appeso alla fatturazione che potrà riprendere ai ritmi di un tempo soltanto grazie a quella che Parisi definisce «benzina iniziale».

Leggi l'articolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Catanzaro

© Riproduzione riservata

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook