Lunedì, 02 Agosto 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Filogaso, operai morti folgorati, la Procura chiede 4 rinvii a giudizio
IN TRIBUNALE

Filogaso, operai morti folgorati, la Procura chiede 4 rinvii a giudizio

di
Lo scorso novembre a Filogaso l’incidente sul lavoro costato la vita a Vito Iellamo e a Gabriel Daniel Popan di San Pietro a Maida

La Procura di Vibo chiede quattro rinvii a giudizio per l’incidente sul lavoro che, il 21 novembre dello scorso anno, causò la morte di due operai – Vito Iellamo, di 42 anni e Gabriel Daniel Popan, di 43, entrambi di San Pietro a Maida – folgorati mentre sistemavano una grondaia all’edificio che ospita il Municipio di Filogaso dove erano in corso lavori di ammodernamento.

In particolare il procuratore Camillo Falvo e il sostituto Concettina Iannazzo, il 26 giugno scorso hanno chiesto al gip del Tribunale di Vibo il rinvio a giudizio per Domenico Renato Serra, di 57 anni (avv. Antonio Fuscà e avv. Vincenzo Belvedere) nella sua qualità di amministratore unico dell’impresa affidataria del cantiere edile; Nunzio Iellamo, 46 anni di San Pietro a Maida (avv. Michele Cerminara e avv. Nicola Currado), in qualità di amministratore unico della ditta esecutrice della fornitura e messa in posa delle grondaie e di datore di lavoro; Pietro Lappano, 61 anni di Cosenza (avv. Gregorio Barba), direttore dei lavori e coordinatore della sicurezza e per Giuseppe Mari, 64 anni di Fiologaso, Rup.

Concorso in omicidio colposo l’accusa mossa dalla Procura nei confronti dei quattro indagati i quali «per colpa dovuta a negligenza, imprudenza e imperizia, nonché inosservanza della specifica normativa antinfortunistica, cagionavano la morte per folgorazione di Vito Iellamo e di Gabriel Daniel Popan».

Leggi l'articolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Catanzaro

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook