Martedì, 19 Ottobre 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Il caos pontili blocca il porto di Catanzaro Lido. Mano tesa dei diportisti al Comune
LO STALLO

Il caos pontili blocca il porto di Catanzaro Lido. Mano tesa dei diportisti al Comune

di
Le operazioni di rimozione degli ormeggi sequestrati non decollano

La situazione al porto è ora di stallo assoluto: da un lato i due specchi d’acqua ingombri dei pontili sotto sequestro e ancora non rimossi; dall’altro le procedure per aprire l’utilizzo ai diportisti del terzo specchio d’acqua, il cui iter non è certo semplice e di rapido espletamento. In mezzo ci sono proprio i diportisti e tutti quegli operatori che con il porto e i suoi flussi ci vivono, tra lavoro diretto e indotto. Col passare delle settimane i nodi, anziché sciogliersi, si sono ulteriormente ingarbugliati.

La decisione del Consiglio di Stato contro Navylos (la società titolare dei pontili sotto sequestro) non ha al momento sortito effetti. E il doppio ultimatum del Comune per lo sgombero delle strutture galleggianti sta passando senza colpo ferire. O, meglio, una volta scaduto, in assenza di intervento da parte di Navylos - che al momento ha chiesto solo dettagli su alcune aree da utilizzare per piazzarvi i pontili una volta rimossi - ci vorrà dell’altro tempo: il Comune dovrà infatti fare un impegno di spesa, individuare una ditta specializzata che con sommozzatori e attrezzature interverrà e i relativi costi saranno attribuiti poi in danno a Navylos. Nel frattempo si è inserita la revoca in autotutela delle nuove assegnazioni fatte a Bay What srls e alla stessa Navylos, che mette nubi pesanti sul futuro del porto a breve termine.

Leggi l'articolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Catanzaro

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook