Mercoledì, 29 Settembre 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Gestione rifiuti a Vibo, un pozzo senza fondo. Aumenta la Tari, salasso per le famiglie
PIANO ECONOMICO

Gestione rifiuti a Vibo, un pozzo senza fondo. Aumenta la Tari, salasso per le famiglie

di
Il Consiglio comunale delibera il Piano economico finanziario e le tariffe. I costi lieviteranno nel prossimo triennio fino a sette milioni di euro. Pesano le uscite inerenti il conferimento di organico ed indifferenziato

Neanche il tempo di gioire per i riconoscimenti ottenuti dalla città capoluogo e dall’Ato nel suo complesso, nella percentuale di raccolta differenziata, che il Comune ritorna alla difficile realtà di sempre. Sono note dolenti, nuove lacrime e sangue per i cittadini, quelle che si prospettano dall’approvazione del Piano economico-finanziario e delle tariffe relative alla Tari a cui la pubblica assise ha dato ieri il via libera in Consiglio. Il costo della tariffa sui rifiuti, che sarà a totale carico dei contribuenti, schizza a poco meno di 7.4 milioni e dunque aumenta rispetto agli anni precedenti quando ammontava a 5.9 milioni. A chiarire le ragioni dell’impennata, nel corso del dibattito, l’assessore al Bilancio Maria Teresa Nardo e il titolare della delega all’Ambiente Vincenzo Bruni. «Pesano in modo significativo –ha chiarito la professoressa Nardo –l’incremento dei costi per il conferimento in discarica, l’adeguamento alle previsto da Arera e le somme in più impegnate per via dell’emergenza Covid per la raccolta “speciale” dei rifiuti nelle case colpite dalla pandemia» che non devono differenziare.

Leggi l'articolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Catanzaro

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook