Mercoledì, 29 Settembre 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Lamezia, il calcio metafora di una città mai nata
L'ANALISI

Lamezia, il calcio metafora di una città mai nata

di
Le divisioni di campanile dopo l’annuncio del progetto che dovrebbe unire le realtà calcistiche vanno ben oltre lo sport. Il sociologo Cavaliere: «No all’ossessione identitaria che blocca l’evoluzione e la crescita». L’intellettuale D’Agostino: «La storia deve alimentare il futuro e incuriosire i più giovani

Le polemiche non sono mai mancate: c’erano prima che l’inchiesta “Dirty Soccer” (maggio 2015) travolgesse ciò che restava del calcio professionistico lametino e ci sono ancora oggi, con il progetto di unificare le principali realtà locali (Vigor, Sambiase e Promosport) in una società di cui finora è chiaro solo il nome (Fc Lamezia Terme) e la prospettiva della serie D. Molti, come riportato ieri dalla Gazzetta, sono scettici, altri lo vedono come un passaggio storico. La questione però va ben oltre le cronache sportive e racconta molto di una città nata sulla carta proprio nell’anno della contestazione giovanile e assurta, come molte rivendicazioni sessantottine, a simbolo di occasione mancata. Il calcio, ancor più della politica, è lo specchio attraverso cui una società riflette se stessa raccontandone al tempo stesso passioni e limiti, sentimenti e piccole miserie. Così la polemica di questi giorni diventa la metafora di un clima da strapaese per cui la nascita della Fc Lamezia è l’epifenomeno, ovvero un evento accessorio, mentre il fatto principale sono le mai superate contraddizioni di una città che, pur essendo prima la terza e ora la quarta della Calabria, di fatto non è mai nata.

Leggi l'articolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Catanzaro

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook