Venerdì, 17 Settembre 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Crotone: truffa alla Cesare Pozzo, chiesto a due indagati un maxi-risarcimento
TRUFFA?

Crotone: truffa alla Cesare Pozzo, chiesto a due indagati un maxi-risarcimento

di
Crotone, coinvolti i vertici aziendali

Scatta la richiesta di risarcimento danni per 15 milioni di euro nei confronti dell’ex presidente della “Cesare Pozzo”, Armando Messineo (72 anni, di Reggio Calabria), e dell’ex direttore generale, Ferdinando Matera (56, Catanzaro), imputati insieme ad altri 4 imprenditori (3 calabresi e un francese) nell’ambito del procedimento scaturito dall’inchiesta della Procura di Milano, che ipotizza una maxi truffa da 15 milioni di euro messa a segno, tra il 2017 e 2021, ai danni della società di mutuo soccorso attiva nel settore della mutualità sanitaria integrativa.
A decidere l'azione di responsabilità è stato il Consiglio di amministrazione della “Cesare Pozzo” (parte civile nell'udienza preliminare in corso), che ha stabilito di rivalersi pure verso gli ex componenti del collegio sindacale per omessa vigilanza e del Cda, in quanto avrebbero autorizzato «compensi configurabili come distribuzione indiretta di utili, vietata dallo statuto sociale e dalla vigente normativa sugli enti del Terzo settore». «L’esercizio dell’azione di responsabilità – ha commentato il presidente della società, Andrea Giuseppe Tiberti – è uno strumento concreto per rientrare in possesso di quanto indebitamente sottratto al solido patrimonio della Mutua sanitaria “Cesare Pozzo”».

Leggi l'articolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Calabria

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook