Sabato, 16 Ottobre 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Depuratore in stato di abbandono a Vibo. Fogne fuori controllo in tre comuni
IL CASO

Depuratore in stato di abbandono a Vibo. Fogne fuori controllo in tre comuni

di
L’impianto consortile realizzato dal Corap avrebbe dovuto servire Acquaro, Arena e Dasà. Mai formalizzato il passaggio di consegne alle amministrazioni locali. Uno scempio ambientale sul quale è calato il silenzio da due anni

Messo in funzione a inizio 2019 è rimasto in attività per pochi mesi, palesando da subito numerose criticità. A cinque anni dal collaudo, e due dalla messa in funzione, si presenta inattivo e in evidente degrado il depuratore consortile di Acquaro, Dasà e Arena, opera realizzata dal liquidando ente regionale Corap dopo un iter iniziato nel 2009 e costata oltre un milione di euro che ha funzionato solo per pochi mesi, con la conseguenza che le fogne dei tre paesi bypassano l’impianto senza essere affatto depurate. Un vero e proprio scempio che ha stizzito molti residenti, increduli del fatto che pur essendoci un moderno depuratore si possa verificare un’evenienza simile. L’impianto, a pompe di sollevamento, di fatto, è una di quelle opere realizzate nello stile “all’italiana”: un carrozzone “armiamoci e partite” che sin da subito ha dimostrato inefficienze e malfunzionamenti: a 5 mesi dall’azionamento alcune pompe a valle di Dasà hanno smesso di fare il loro dovere, mentre a monte del centro abitato, in località “Mastro Fonzo”, in caso di forti piogge è capitato più volte che la condotta si sia intasata (l’ultima il mese scorso), con il conseguente sversamento dei liquami di Arena sul manto stradale della Sp.58.

Leggi l'articolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Catanzaro

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook