Sabato, 16 Ottobre 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca In fuga da Pizzo dove il mare non è... blu
BAGNANTI INDIGNATI

In fuga da Pizzo dove il mare non è... blu

di
Ennesima giornata di disagi e denunce sul tratto di costa dove era visibile una lunga scia di schiuma e scarichi “sospetti”. La rabbia di residenti e turisti: abbiamo chiamato la Capitaneria, questa è fogna!

C’era una volta il mare. C’era perché oggi quel che resta è una distesa verde di schiuma e detriti o di materiale di cui si può solo ipotizzare la provenienza. E così da Pizzo a Vibo Marina quella che anche ieri è andata in scena è stata un’ennesima giornata di rabbia e amarezza di quanti sono stati costretti a fuggire dalle spiagge. Sino alle 11 la grande distesa azzurra fresca e cristallina, subito dopo il precipitare della situazione, come ormai prassi: il mare diventa di un colore indefinito, tendenzialmente verde e immancabilmente si manifesta altresì una sorta di patina oleosa e marrone; talvolta non mancano anche bolle o schiuma. Uno spettacolo indegno per chi il territorio lo vive 365 giorni all’anno e sente il mare come proprio e quanti hanno pagato per godere di quel mare.
Da qui, l’indignazione e le segnalazioni alla Capitaneria di porto di molti bagnanti che invocano l’intervento della Procura. «Era visibile ad occhio nudo – hanno denunciato alcuni chiamando alla Capitaneria che a sua volta ha fatto sapere di avere allertato l’Arpacal – che si trattasse di fogna».

Leggi larticolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Catanzaro

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook