Giovedì, 02 Dicembre 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Lamezia, fanghi sversati nel torrente. Sigilli al depuratore comunale
LO STOP

Lamezia, fanghi sversati nel torrente. Sigilli al depuratore comunale

di
Il sequestro è stato disposto dalla Procura locale e da quella di Vibo. L’impianto gestito dalla Deca si trova nell’area industriale. Disposto il divieto di balneazione in diversi tratti della costa

Dopo le numerose segnalazioni di cittadini e turisti indignati e allarmati per la presenza di chiazze verdognole nel mar Tirreno – la Gazzetta ne ha dato conto nei giorni scorsi – è arrivato anche un primo segnale dall’autorità giudiziaria. Un segnale chiaro, frutto della collaborazione tra le Procure di Lamezia e Vibo e del lavoro della task force che hanno istituito proprio per contrastare il fenomeno dell’inquinamento del mare. Nei giorni scorsi il personale della Capitaneria di Porto di Vibo Valentia e dal comando della Guardia di finanza di Lamezia Terme hanno sottoposto a sequestro preventivo il depuratore consortile a cui confluiscono le condotte fognarie di diversi Comuni del comprensorio.
L’impianto è gestito dalla Deca srl, una società di scopo che nel 2010 si è aggiudicata, con una concessione di 15 anni con il Consorzio industriale della Provincia di Catanzaro, la gestione e il completamento dell’esistente piattaforma depurativa consortile nell’area industriale lametina, anche a servizio dei Comuni di Lamezia, Curinga, Falerna, Gizzeria e Filadelfia, con l’adeguamento dei relativi collettori fognari e sollevamenti.

Leggi larticolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Catanzaro

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook