Lunedì, 29 Novembre 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Scott Rinascita, alla Prefettura di Vibo si valutano le relazioni
PRIMI PROVVEDIMENTI

Scott Rinascita, alla Prefettura di Vibo si valutano le relazioni

di
Il maxi-processo comincia ad entrare nel vivo. Ora “mano” alle interdittive
inchiesta scott rinascita, interdittive, prefettura vibo, Roberta Lulli, Catanzaro, Cronaca
La Prefettura di Vibo Valentia

Sono passati circa due anni dal giorno del blitz Scott Rinascita. Ma non basterà portare avanti il processo e arrivare ad una sentenza anche se sarà questo il primo vero pilastro da “piantare” per dimostrare con i fatti che in Calabria si comincia a fare sul serio. C'è un percorso parallelo ancora tutto da esplorare e che sfugge ai media ed a quanti immaginano che la lotta alla mafia passa solo attraverso l’azione repressiva che culmina molto spesso nelle misure cautelari in carcere. Negli uffici della Prefettura di Vibo, dove da pochi mesi si è insediata Roberta Lulli, si comincia a mettere mano alle interdittive antimafia a carico di aziende e ditte condizionate o addirittura espressione economica diretta di capi e gregari delle cosche che attraverso loro prestanomi dettano legge anche sul mercato del lavoro, si aggiudicano appaltati pubblici, si mettono al servizio degli enti e di politici, si accreditano nei comuni e nei vari enti fino a soffocare le imprese sane (poche purtroppo) che operano sul territorio.

Leggi l'articolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Catanzaro

© Riproduzione riservata

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook