Giovedì, 02 Dicembre 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca La ragazza sbranata a Satriano, indagini sulle istituzioni coinvolte
GLI SVILUPPI

La ragazza sbranata a Satriano, indagini sulle istituzioni coinvolte

di
In attesa degli ultimi riscontri tecnici, riflettori su eventuali omissioni
indagini, ragazza sbranata cani, satriano, Catanzaro, Cronaca
Alcuni cani del branco assassino che ha ucciso a Satriano la giovane soveratese Simona Cavallaro

«Chi sa parli». L’appello dei carabinieri della Compagnia di Soverato è rivolto nuovamente e in modo sempre più esplicito alla popolazione di Satriano e del comprensorio di Soverato. Il tentativo è di comprendere se vi siano state delle segnalazioni precedenti all’aggressione subìta dalla giovane Simona Cavallaro, la ragazza uccisa da un branco di cani a Satriano.
L’attenzione rimane alta sulle indagini ancora aperte per individuare tutti i responsabili della tragedia di fine agosto. Al momento nel registro degli indagati risulta ancora solo il pastore proprietario di alcuni dei cani del branco assassino, ma nelle ipotesi dei carabinieri c’è l’idea di possibili omissioni nei controlli, che si cercano ora di provare.
Massimo riserbo sulle indagini di cui si sa solo che si stanno svolgendo su un versante differente a quello inizialmente avviato. Pochi sono infatti i dubbi sulla dinamica dell’aggressione e sulle responsabilità dirette, molti di più sono i punti da chiarire sul ruolo di chi ha concesso le autorizzazioni che avevano portato alla presenza del gregge sul territorio satrianese.

Leggi l'articolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Catanzaro

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook