Martedì, 28 Settembre 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca L'addio di Bertolone, mons. Panzetta neo amministratore apostolico di Catanzaro
IL CASO

L'addio di Bertolone, mons. Panzetta neo amministratore apostolico di Catanzaro

L’arcivescovo di Crotone-Santa Severina, monsignor Angelo Panzetta, è stato nominato amministratore apostolico dell’Arcidiocesi di Catanzaro in seguito alla rinuncia all’incarico da parte di monsignor Vincenzo Bertolone. L’annuncio è stato dato dallo stesso arcivescovo Panzetta nella chiesa parrocchiale di Torre Melissa, dove si sta svolgendo in questi giorni un corso di aggiornamento teologico-pastorale del clero diocesano. Il cancelliere arcivescovile, don Giovanni Barbara, ha dato lettura del decreto di nomina di Panzetta, a firma del cardinale Ouellet, prefetto della Congregazione per i vescovi. Mons. Panzetta, è scritto in una nota della diocesi di Crotone-Santa Severina, «ha espresso il proprio ringraziamento al Santo Padre per la fiducia in lui riposta, desideroso di impegnarsi al meglio, per il tempo che sarà necessario, a servizio della Chiesa di Catanzaro-Squillace. A mons. Vincenzo Bertolone il nuovo amministratore apostolico ha rivolto parole di ringraziamento per il servizio svolto come pastore della chiesa di Catanzaro-Squillace».

L’arcivescovo Panzetta ha anche detto che il compito che lo attende, al quale dedicherà tutte le energie necessarie, non sottrarrà spazio alla cura pastorale dell’Arcidiocesi di Crotone. "Ho assunto il nuovo incarico - afferma mons. Panzetta in un messaggio indirizzato all’Arcidiocesi di Catanzaro-Squillace - con un amore grande verso il Santo Padre che, con tale decisione, mi ha manifestato fiducia e incoraggiamento, e anche con una vera gratitudine verso mons. Bertolone che per tanti anni ha guidato con passione la vostra Chiesa bella e gloriosa. Vengo tra voi nel nome del Signore e con i sentimenti di un padre e di un fratello, per accompagnare la comunità intera in questo tempo denso di speranza in attesa che sia scelto il nuovo Arcivescovo. La prima cosa che mi permetto di chiedere a tutti i fedeli - afferma ancora nel messaggio mons. Panzetta - è il dono della preghiera: in tutte le comunità si moltiplichi l’invocazione dello Spirito perché ci aiuti a riconoscere i segni della volontà di Dio e le opportunità di grazia seminate nella storia inedita che stiamo vivendo».

© Riproduzione riservata

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook