Venerdì, 22 Ottobre 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Alloggi popolari nel quartiere Pistone di Catanzaro: è scontro tra Aterp e ditta
LA DISPUTA

Alloggi popolari nel quartiere Pistone di Catanzaro: è scontro tra Aterp e ditta

di
Al centro della vicenda i ritardi nella realizzazione di 84 alloggi. La Cassazione ha rinviato tutti gli atti alla Corte d’Appello

A dieci anni di distanza dalla prima sentenza del Tribunale di Catanzaro la Cassazione ha riaperto la disputa tra la ditta costruttrice e l’Aterp sulla realizzazione di 84 alloggi di edilizia popolare in località "Pistoia". I giudici romani hanno in parte accolto il ricorso della società cassando la sentenza della Corte d’Appello e rinviando gli atti a Catanzaro per un nuovo giudizio.

Al centro della vicenda la richiesta di maggiori oneri e il riconoscimento dei danni subiti in seguito al rallentamento dei lavori dovuti a ritardi della committenza. Ma anche la mancata applicazione dell'aumento del 5% previsto sui lavori a forfait, secondo la disciplina del “prezzo chiuso” ex articolo 33 legge 41 del 1986. Nel 2011 il Tribunale aveva rigettato le istanze della ditta accogliendo la riconvenzionale dell'Aterp di condanna dell'impresa al pagamento di una penale.

La Corte d'Appello, nel confermare la statuizione di primo grado, ha ritenuto che poiché il contratto di appalto prevedeva la revisione dei prezzi e la committenza aveva corrisposto le relative somme all'impresa, tanto escludesse, per il medesimo titolo, l'applicazione del meccanismo di adeguamento a “prezzo chiuso”, pari all'aumento del 5% per ogni anno intero previsto per l'ultimazione dei lavori.

Leggi l'articolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud -  Catanzaro

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook