Venerdì, 22 Ottobre 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Una clinica tedesca ha donato un defibrillatore alla Polizia di Crotone
SICUREZZA

Una clinica tedesca ha donato un defibrillatore alla Polizia di Crotone

Diciannove agenti hanno già svolto un corso per l’utilizzo, ma l’assessore alla Tutela della Salute, Carla Cortese, vuole ampliare la formazione a tutto il personale in servizio

È stato installato nella sede del comando della Polizia di Crotone, in via Gallucci, il defibrillatore donato alla città dalla clinica Ev. Stiftung Tannenhof di Remscheid (Renania settentrionale).

Dal Comune pitagorico fanno sapere che il defibrillatore ora è a disposizione per eventuali emergenze che si dovessero verificare nella zona.
Nell’occasione dell'installazione del dispositivo salvavita era presente con il sindaco di Crotone, Vincenzo Voce, l’assessore alla Tutela della Salute, Carla Cortese, e il comandante della Polizia locale, Francesco Iorno, anche la dottoressa Maria Papaianni che collabora con la struttura tedesca ed è la responsabile in Italia del programma di formazione promosso dalla casa di cura renana.

Il sindaco nell’occasione ha rinnovato il ringraziamento alla dott.ssa Papaianni per il gesto di sensibilità verso la comunità cittadina.
Tra l’altro, diciannove agenti di Polizia locale hanno già svolto un corso per l’utilizzo del defibrillatore e l’assessore alla Tutela della Salute Carla Cortese intende ampliare la formazione a tutto il personale attualmente in servizio presso il Comando.
“Continua, dunque - si legge nella nota diffusa dal Comune - la sinergia tra la città di Crotone e la struttura tedesca che tra l’altro mentre sta già effettuando il percorso di formazione completamente gratuito e retribuito destinato a giovani che prevede la possibilità di seguire la formazione professionale nel settore infermieristico in Germania, ha già stabilito contatti con strutture sanitarie locali per iniziare uno scambio interculturale tra la professione del futuro. Sono previsti viaggi verso Crotone da parte di giovani studenti infermieri come importante confronto sanitario in un periodo di pandemia mondiale”.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook