Venerdì, 22 Ottobre 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Sangue nel centro ippico di Catanzaro, il pakistano: mi prendevano in giro
LA DECISIONE

Sangue nel centro ippico di Catanzaro, il pakistano: mi prendevano in giro

Il gip ha emesso l’ordinanza di custodia cautelare in carcere per lo stalliere 28enne

«Pesanti e umilianti atti di scherno» che sarebbero andati avanti per un anno. Questo sarebbe il movente della brutale aggressione avvenuta il 9 settembre scorso nel centro ippico Valle dei Mulini in cui ha perso la vita il 60enne Giuseppe Sestito, mentre un 68enne lotta ancora tra la vita e la morte nel reparto di rianimazione del Pugliese e una signora di 48 anni ha riportato ferite fortunatamente non gravi. A riferirlo è stato lo stesso Masih Saleem il 28enne pakistano che lavorava come stalliere. Nei giorni scorsi il gip Pietro Caré ha emesso l’ordinanza con cui ha confermato la convalida del fermo operato dai carabinieri e ha disposto la custodia in carcere per il cittadino straniero giunto in Italia via mare nel 2015. Nelle sei pagine del provvedimento è ricostruita la dinamica di quella assurda mattanza. Sentito dal pm Irene Crea subito dopo essere stato fermato dai carabinieri, Masih Saleem ha sostenuto di essere da sempre oggetto di scherno e di essere preoccupato, in quei giorni, per lo stato di salute dei genitori in Pakistan.

Leggi l'articolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Catanzaro

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook