Venerdì, 22 Ottobre 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Multopoli a Catanzaro: le intercettazioni sono inutilizzabili
MAXI-PROCESSO

Multopoli a Catanzaro: le intercettazioni sono inutilizzabili

di
Sono in tutto 51 gli imputati nel maxi-processo scaturito dalle due inchieste, tra i quali il sindaco Sergio Abramo, il consigliere regionale Domenico Tallini

Inutilizzabili perché raccolte nel corso di un procedimento differente e senza alcuna attinenza con quello in corso. È la fine che hanno fatto alcuni compendi intercettivi portati dalla pubblica accusa nel processo “Multopoli-Catanzaropoli”, dal nome delle due inchieste volte a fare luce su un presunto sistema mirato ad annullare ad “amici” i verbali per violazioni del codice della strada e su alcuni provvedimenti amministrativi di dubbia legittimità tra i quali l’affidamento della fornitura dei gazebo per la “Notte piccante 2013”, i finanziamenti dati dal Comune per la festa dell’artigianato, l’utilizzo della Polizia locale per controllare le auto delle persone partite per Roma per partecipare a una manifestazione di Forza Italia.

Sotto i riflettori della Procura anche gli incarichi affidati a professionisti, legati da presunti rapporti di amicizia ad alcuni esponenti politici, per la ristrutturazione di scuole.

Sono in tutto 51 gli imputati nel maxi-processo scaturito dalle due inchieste, tra i quali il sindaco Sergio Abramo, il consigliere regionale Domenico Tallini e il comandante della Polizia municipale Giuseppe Antonio Salerno. La decisione presa ieri dal Tribunale mette dunque fuori gioco diverse intercettazioni.

Leggi l'articolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Catanzaro

 

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook