Venerdì, 20 Maggio 2022
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca 'Ndrangheta, si arena sulle questioni preliminari il processo ai clan del VIbonese
IMPONIMENTO

'Ndrangheta, si arena sulle questioni preliminari il processo ai clan del VIbonese

'ndrangheta vibo valentia, processo imponimento, Catanzaro, Cronaca
L'aula bunker di Lamezia Terme

Questioni preliminari hanno caratterizzato l'udienza, nell'aula bunker di Lamezia Terme -  del processo Imponimento  nei confronti di 77 soggetti che, imputati nella maxi operazione condotta dalla Procura Distrettuale di Catanzaro nell'aprile dello scorso anno, hanno scelto di essere giudicati con rito ordinario dinanzi al Tribunale collegiale di Lamezia Terme  (Presidente Angelina Silvestri, a latere Adele Foresta e Domenico Riccio).

In apertura di udienza è intervenuto l'avv. Pino Zofrea, presidente della Camera Penale di Lamezia Terme, il quale ha ringraziato i giudici per avere concesso che all'udienza di oggi potessero partecipare gli iscritti al Corso per Difensori d'Ufficio, tenuto dalla Camera Penale lametina, per i quali la stessa ha rappresentato una lezione pratica di alto spessore "che contribuirà certamente alla formazione della nuova generazione di Difensori d'Ufficio".
Una parentesi a cui sono seuiti gli interventi di diversi avvocati del nutrito collegio difensivo. In particolare l'avv.  Aldo Ferraro (intervenuto nell'interesse di Angelo Sgrò), ha innanzitutto reiterato l'eccezione di incompetenza territoriale del gup di Catanzaro a giudicare il suo assistito, cui veniva contestato un reato che non rientrava nella competenza della Procura Distrettuale di Catanzaro, né di conseguenza del gup distrettuale, non essendo contestata alcuna aggravante speciale che giustificasse la celebrazione a Catanzaro di un processo che avrebbe dovuto celebrarsi, in udienza preliminare, a Lamezia Terme. L'avv. Ferraro ha posto l'accento sul fatto che il rimedio della Procura, che proprio all'udienza preliminare aveva modificato l'imputazione così da radicare a quel punto la competenza a Catanzaro, era da ritenersi tardivo perché avvenuto a processo in corso, quando ormai il vizio si era cristallizzato, non rientrando tra i poteri del pm  la individuazione del "giudice naturale" , che deve essere precostituito per legge rispetto allo stesso processo. L'avv. Giuseppe  Bagnato ha poi posto questione di incompetenza per territorio rispetto ai suoi assistiti, rilevando che i fatti loro contestati risultano commessi nel comprensorio del Tribunale di Vibo Valentia, a maggior ragione considerando che l'aggravante dell'agevolazione mafiosa loro contestata si riferiva a cosche del vibonese, e non a quella degli Anello Fruci.
L'avv. Andreano per Stillitani unitamente all'Avv. Verri, hanno poi eccepito la nullità del decreto dispositivo del giudizio per indeterminatezza dei capi di imputazione, non essendo concretamente individuate le condotte contestate ai loro assistiti. Analoga questione è stata sollevata dagli avvocati Vonella, Vecchio e Mazzotta, che hanno rilevato come la indeterminatezza e la genericità delle accuse rivolte ai loro assistiti aveva leso il diritto di difesa non essendosi potuti difendere su fatti specifici. Molti altri difensori hanno altresì depositato altrettante memorie per sollevare ulteriori questioni preliminari, di cui i pm  d'udienza (Antonio De Bernardo e Chiara Bonfadini) hanno chiesto il rigetto rilevando che i capi di imputazione risultano contenere l'indicazione degli elementi essenziali dei reati contestati, dovendo invece il processo accertare analiticamente i fatti contestati, e che la competenza territoriale era stata correttamente individuata dall'ufficio di Procura sulla scorta della complessiva impostazione, che vedrebbe tutti i reati "attratti" dal reato associativo, che fondava la competenza di quell'ufficio Distrettuale e del Gup di Catanzaro.

Il Tribunale ha quindi rinviato il processo all'udienza del prossimo 8 ottobre  per decidere sulle eccezioni preliminari sollevate oggi, nonché all'esito per la formulazione delle richieste di prova delle parti.
Intanto altri 70 indagati nell'ambito dell'operazione Imponimento hanno scelto di essere giudicati con il rito abbreviato e la Dda ha chiesto, nei loro confronti, altrettante condanne.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook