Martedì, 30 Novembre 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Vibo, fondi non spesi e ospedali obsoleti
SANITÀ

Vibo, fondi non spesi e ospedali obsoleti

di
L’ex dg dell’Asp Rubens Curia fa il punto sulle cause che hanno portato alla «tempesta perfetta» nella sanità
ospedale jazzolino, vibo valentia, Catanzaro, Cronaca
L'ospedale Jazzolino di Vibo

Ospedali obsoleti, carenti sotto tutti i punti di vista, con strumentazioni che da anni segnano il passo, assunzioni bloccate per circa un decennio e fondi quando arrivati non spesi, mentre altri si sono persi tra le nebbie della mancata progettazione e calo demografico (perlopiù giovani professionisti che scelgono altre regioni o l’estero). Tasselli di un solo mosaico, quello della «tempesta perfetta» evidenzia l’ex manager dell’Asp di Vibo, Rubens Curia, che per anni Regione e Aziende sanitarie «sono rimasti a guardare» e che oggi, dopo «dodici anni terrificanti di commissariamento» pesano come un macigno sulla mancanza di appeal dei nosocomi calabresi che per avere un medico devono ricorrere ai contratti libero-professionali. Una strada intrapresa dall’Asp vibonese per riuscire a superare l’impasse della carenza di personale, dopo bandi andati a vuoto. Il tutto mentre 98 infermieri calabresi hanno scelto, di lavorare in provincia di Bergamo.
In altre parole il risultato di oggi, a parere di Curia – il quale dal 2009 e per 20 mesi è stato alla guida dell’Asp di Vibo – è frutto degli errori commessi in passato (remoto e prossimo), concepiti in un intreccio di «responsabilità soggettive e oggettive, a livello nazionale, regionale e locale» che hanno spianato, più di quanto già lo fosse, la strada del declino della sanità.

Leggi l'articolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Catanzaro

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook