Sabato, 27 Novembre 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca L’odissea senza fine dei dializzati di Catanzaro. La sanità non offre loro garanzie
SANITÀ

L’odissea senza fine dei dializzati di Catanzaro. La sanità non offre loro garanzie

di
I trasporti restano il punto debole di un sistema già molto fragile

Duecentottantasette dializzati. È il numero che segna l’incidenza delle nefropatie più gravi in tutta la provincia di Catanzaro. In Calabria sono circa 1.500 e l’ultima stima targata Aned lascia emergere ovunque le carenze di una sanità pubblica che non riesce a farsi carico di pazienti che non hanno bisogno soltanto della cura, ma anche di un sistema che li segua nella gestione di tutti gli aspetti che afferiscono a patologie complesse. Trasporti in primis perché i dati più recenti raccolti tra Catanzaro e provincia dall’Associazione nazionale emodializzati dicono che sono ben 74 i pazienti che necessiterebbero di un mezzo alternativo, ovvero di un sostegno che nei fatti non esiste, che li porti da casa al centro dialisi e viceversa. Si scopre dunque che la nefropatica catanzarese che lunedì ha raccontato il suo dramma attraverso il marito proprio dalle colonne della Gazzetta del Sud è soltanto una tra le tante. Sono tantissimi i dializzati che vanno a fare dialisi da soli o con i familiari perché le ambulanze trasportano soltanto 33 pazienti e i problemi sociali aggravano questioni sanitarie già complicate.

Leggi l'articolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Catanzaro

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook