Sabato, 27 Novembre 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Gettonopoli a Catanzaro: il gip respinge la richiesta d'archiviazione per i 19 consiglieri coinvolti
L'UDIENZA

Gettonopoli a Catanzaro: il gip respinge la richiesta d'archiviazione per i 19 consiglieri coinvolti

Dopo la discussione delle parti avvenuta il 6 ottobre, il gip ha deciso che il fascicolo non può essere archiviato perché “allo stato degli atti sono contestabili i reati di truffa aggravata e falsità ideologica"
gettonopoli catanzaro, Catanzaro, Cronaca, Politica
Gettonopoli

Il gip del Tribunale di Catanzaro Valeria Isabella Valenzi non ha accolto la richiesta di archiviazione “per tenuità del fatto” per i 19 consiglieri comunali coinvolti nell’inchiesta Gettonopoli. Il giudice, al contrario, ha invitato il pm a formulare la nuova imputazione nei confronti degli indagati.

In 6 si erano opposti alla richiesta

Sei consiglieri comunali di Catanzaro coinvolti nelle indagini riguardanti la percezione dei gettoni di presenza alle commissioni consiliari, si erano opposti alla richiesta di archiviazione per tenuità del fatto. Si tratta di Filippo Mancuso (appena eletto consigliere regionale con la Lega, difeso da Francesco Iacopino), Agazio Praticò (difeso da Antonio Lomonaco ), Antonio Mirarchi (difeso da Eugenio Perrone), Fabio Celia (difeso da Eugenio Perrone), Antonio Angotti (difeso da Eugenio Perrone), Manuela Costanzo (difesa da Giuseppe Pitaro).

Il gip aveva quindi fissato l’udienza per discutere dell’opposizione allargando anche agli consiglieri indagati: Francesca Celi (difesa da Marco Reina), Lorenzo Costa (difeso da Maurizio Belmonte), Roberta Gallo (difesa da Amedeo Bianco), Francesco Girona (difeso da Amedeo Bianco), Luigi Levato (difeso da Helenio Caratginese), Rosario Lostumbo (difeso da Vincenzo Ioppoli), Rosario Mancuso (difeso da Michele De Cillis), Giuseppe Pisano (difeso da Giuseppe Pisano), Cristina Rotundo (difesa da Amedeo Bianco), Giulia Procopi (difesa da Enzo De Caro), Fabio Talarico (difeso da Amedeo Bianco), Antonio Ursino (difeso da Daniela Gullì), Enrico Consolante (difeso da Flavio Pirrò e Rosario Montesanti).

Dopo la discussione delle parti avvenuta il 6 ottobre, il gip ha deciso che il fascicolo non può essere archiviato perché “allo stato degli atti sono contestabili i reati di truffa aggravata e falsità ideologica".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook