Venerdì, 21 Gennaio 2022
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Autobomba di Limbadi, dubbi sulla dinamica. Ma per la Corte d’Assise è "chiara"
L'UDIENZA

Autobomba di Limbadi, dubbi sulla dinamica. Ma per la Corte d’Assise è "chiara"

di
A sollevarli la difesa dei principali imputati
Catanzaro, Cronaca

Si avvia alle ultime battute il processo sull’autobomba di Limbadi, il 9 aprile del 2018 costato la vita a Matteo Vinci e il grave ferimento del padre Francesco. Procedimento che si sta celebrando davanti alla Corte d’Assise di Catanzaro (presidente Bravin) e che vede quattro gli imputati – tutti rimasti coinvolti nell’operazione “Demetra” di Dda e carabinieri – accusati, a vario titolo, di omicidio, tentato omicidio, entrambi aggravati dalla premeditazione, dai motivi abietti e futili, detenzione e porto illegale di esplosivo, lesioni personali, armi e tentata estorsione, reati tutti aggravati dalle modalità mafiose. Nell’udienza di giovedì scorso la difesa dei principali imputati ha chiesto alla Corte la nomina di due periti, uno dei quali medico-legale affinché accertasse la compatibilità delle lesioni riportate da Francesco Vinci (il quale con la moglie Sara Scarpulla si è costituito parte civile) con quanto accaduto nell’auto. Richieste articolate ma comunque rigettate dalla Corte d’Assise. Per i giudici, infatti, «è sufficientemente chiara la dinamica» di quanto accaduto il 9 aprile del 2018 in località Macrea di Limbadi.

Leggi l'articolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Catanzaro

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook