Mercoledì, 26 Gennaio 2022
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Meno morti sulle strade italiane ma non sulla Statale ionica 106
INFRASTRUTTURE

Meno morti sulle strade italiane ma non sulla Statale ionica 106

di
Nel 2020 incidenti e decessi in percentuali più alte rispetto al resto del Paese

La statale 106, ribattezzata “la strada della morte”, è la quinta strada più pericolosa d’Italia, nonostante i mesi di lockdown. Se a livello nazionale sono diminuite le morti da incidenti stradali, legate alle limitazioni della circolazione per contenere il contagio, soprattutto nel 2020, la statale ionica, invece, ha fatto registrare incidenti e decessi in percentuale più alte rispetto al resto d’Italia, nonostante vi sia stata comunque una diminuzione sia di incidenti (-37%) che di morti (-28%). I dati sull’incidentalità, rilevati da Aci nel 2020, mettono in evidenza che la vera diminuzione di incidenti stradali c’è stata proprio lo scorso anno, a seguito delle restrizioni durante il lockdown che ha conseguentemente limitato gli spostamenti. Nei mesi di marzo e aprile, infatti, si è registrato il minor numero di incidenti, mentre la situazione nuovamente cambiata a luglio, agosto e settembre. Rispetto alla tendenza nazionale, tuttavia la statale 106 ha registrato tassi di incidentalità più alti.

Leggi l'articolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Catanzaro

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook