Sabato, 21 Maggio 2022
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Soffoca la moglie, poi lo racconta al capo. Femminicidio a Motta Santa Lucia
FERMATO UN 49ENNE

Soffoca la moglie, poi lo racconta al capo. Femminicidio a Motta Santa Lucia

Avrebbe soffocato la moglie in camera da letto, quindi ha confessato tutto al suo datore di lavoro. E’ accaduto la notte scorsa a Motta Santa Lucia, piccolo borgo di circa 800 abitanti situato in provincia di Catanzaro. A compiere il delitto sarebbe stato un operaio marocchino di 49 anni che lavora in una ditta edile del paese. Secondo la prima ricostruzione dei carabinieri, l’uomo avrebbe avuto un violento litigio con la moglie nella loro abitazione, poi l’aggressione fino a soffocarla e a causarne la morte per asfissia.

Dopo avere raccolto le prime indicazioni dal datore di lavoro del presunto femminicida, la Procura della Repubblica di Lamezia Terme ha emesso un provvedimento di fermo che è stato notificato dai carabinieri del Nucleo operativo e radiomobile della Compagnia di Soveria Mannelli, supportati da personale della Stazione di Conflenti e del Nucleo Investigativo del Gruppo di Lamezia Terme. L’uomo è accusato di omicidio volontario aggravato.

Nella camera da letto è stato rinvenuto il cadavere della donna e gli accertamenti scientifici sono stati affidati al Reparto operativo di Catanzaro, giunto sul posto insieme al medico legale e al pubblico ministero di turno. Al momento i militari dell’Arma stanno raccogliendo ulteriori informazioni sull'omicidio e sulle cause che hanno scatenato la lite fino all’omicidio.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook