Sabato, 21 Maggio 2022
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Caminia e la titolarità dell’area, spunta un documento del 1879!
STALETTÌ

Caminia e la titolarità dell’area, spunta un documento del 1879!

di
Dall’abusivismo al melodramma. La resistenza degli ultimi abitanti. La solita rivendicazione del presunto errore sulla proprietà della baia L’associazione Amici non demorde: “Non cancellare la storia borgo”
abusivismo, caminia di Stalettì, documento 1879, Catanzaro, Cronaca
Il documento del 1879

Di ciò che potrebbe accadere a Caminia con la demolizione delle villette sequestrate si discute da tempo, ma ciò a cui si dovrebbe far spazio dopo, è meno chiaro. Un punto importante per chi ha costruito nel borgo marinaro di Stalettì che continua quella che definisce “la sua battaglia di civiltà” per salvare le villette sotto sequestro. Di queste solo una decina sono state demolite a luglio, per due è stata data la disponibilità di un’autodemolizione, ma per la stragrande maggioranza, il destino è appeso alle determinazioni dei giudici chiamati a esaminare i vari ricorsi presentati dagli abitanti. L’associazione “Amici di Caminia” torna a far sentire la sua voce attraverso il vicepresidente Claudio Aloisi, intenzionato a difendere da ogni speculazione le case su cui ancora incombe un ordine di demolizione. «Abbiamo un documento del 1879 che testimonia come un esproprio da parte delle ferrovie Calabro Sicule fu fatto proprio sul terreno di proprietà del Comune, altro aspetto che testimonia come quel terreno non possa essere considerato suolo demaniale».

Leggi l'articolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Catanzaro

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook