Sabato, 21 Maggio 2022
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Parco eolico marino al largo di Catanzaro, si leva un coro di no
GLI INTERVENTI

Parco eolico marino al largo di Catanzaro, si leva un coro di no

Sono state inoltrate le prime osservazioni per il Parco Eolico Offshore da realizzare nel Golfo di Squillace tra i comuni di Crotone e Monasterace, cosi come richiesto dal Ministero. "Osservazioni mirate soprattutto all’aspetto della deturpazione paesaggistica del territorio di Isola Capo Rizzuto, che è il vero e proprio punto di forza della nostra costa. Quattro pagine arricchite da varie motivazioni, tra cui anche i possibili danni che causerebbe al comparto pesca con conseguenti ripercussioni sociali - si legge nella nota - È chiaro dunque che Isola Capo Rizzuto ha detto no a questo parco eolico, non vogliamo rovinare le nostre bellezze naturali fatte di Albe e Tramonti, che si aprono e si chiudono in mare, per scambiarle con mostri di ferro. Probabilmente, chi propone ciò, non ha mai visto il sole che tramonta alle spalle del Castello Aragonese di Le Castella, simbolo turistico della Calabria nel mondo. Che simbolo sarebbe con alle spalle un ammasso di pale eoliche a fargli da sfondo? No. Isola Capo Rizzuto ha già dato, e continua a dare tanto, alle energie rinnovabili con centinaia di pale disseminate lungo tutto il territorio, abbiamo persino il parco eolico più grande d’Europa. Ci basta la deturpazione della terra ferma, non permetteremo quella del mare. Chiusa questa prima parte delle osservazioni, i prossimi passi saranno quelli di convocare un Consiglio Comunale ad hoc sull'argomento e coinvolgere i cittadini: decidiamo insieme il nostro futuro" conclude la nota.

L'interrogazione di Alecci

In relazione ai progetti presentati da due multinazionali presso la Capitaneria di Porto di Crotone e riguardanti la realizzazione di imponenti parchi eolici galleggianti nei bacini d’acqua compresi tra Isola Capo Rizzuto e Monasterace, Ernesto Alecci, in qualità di Consigliere Regionale ha presentato un’interrogazione al Governo Regionale affinché prenda una posizione chiara riguardo la loro realizzazione. "Infatti, in una regione come la Calabria, con circa 800 chilometri di costa, dovremmo concentrarci - secondo Alecci - a pianificare interventi volti allo sviluppo del turismo, della pesca, della tutela dei parchi marini e delle aree protette, in un’ottica di utilizzo ecosostenibile delle risorse. Non vorrei che dietro ciò che oggi appare come un’opportunità di sviluppo ecosostenibile, in realtà si possa nascondere il pericolo di un inquinamento ambientale aggravato da una speculazione. Il reperimento di investimenti nazionali e internazionali nel nostro territorio deve certamente essere uno degli obiettivi del nuovo corso dell’ente regionale, ma non “a tutti i costi!”. E’ giusto guardare con interesse allo sfruttamento di energie pulite e rinnovabili, ma bisogna sempre procedere per tempo con studi, verifiche e analisi dei reali costi e benefici per i nostri territori. Al momento - prosegue Alecci - sembra che la Calabria produca in termini di energia rinnovabile più di quello che consuma e, anche se all’interno dei progetti ad oggi presentati sono citate garanzie riguardo eventuali disagi e un eventuale impatto sull’ambiente circostante, è comunque lecito immaginare gravi ricadute sull’intero ecosistema marino, sia durante le operazioni di messa in opera dei cavi che durante l’attività e la manutenzione degli impianti. Bisogna fare chiarezza: la zona di mare interessata dai progetti, con l’area protetta di Isola Capo Rizzuto, la Baia di Soverato e a sud fino alla Costa dei Gelsomini, rappresenta un patrimonio che non possiamo assolutamente mettere in pericolo. Un paradiso naturalistico che, già da Sindaco di Soverato e da presidente del Flag Jonio 2, ho sempre cercato di difendere e valorizzare attraverso un lavoro continuo basato su progetti e collaborazioni con associazioni ed enti interessati, un lavoro che continuerò a portare avanti anche in sede regionale".

No delle commissioni comunali di Catanzaro

Le commissioni Ambiente e Patrimonio, congiuntamente, proporranno una mozione da approvare nella prossima seduta del Consiglio comunale per dire No a qualsiasi ipotesi di parchi eolici nel mare catanzarese. Lo afferma il presidente di commissione, Eugenio Riccio, a margine dell’atto di indirizzo sottoscritto con i colleghi consiglieri Altomare, Angotti, Ciciarello, Consolante, Sergio Costanzo, Gallo, Levato, Pisano, Procopi. “Vogliamo dare seguito ai precedenti documenti con cui era stata espressa la forte contrarietà all’installazione di pale eoliche in città”, afferma Riccio. “Ci allineiamo, in questo modo, alla posizione assunta da diversi comuni in tutta Italia che sono scesi in campo per difendere e salvaguardare il paesaggio e l’ambiente da attività di business. In tal senso, rispetto alle paventate ipotesi di interventi che interesserebbero il nostro mare, auspichiamo che si registri la massima condivisione tra i comuni della fascia ionica catanzarese, perché questa deve essere una battaglia comune e senza colori politici. Il mare è una risorsa, rappresenta un patrimonio per tutta la città, da difendere e valorizzare per la crescita economica e turistica del territorio. Dagli amministratori locali la gente pretende e si aspetta un impegno civico oggi più che mai necessario, per garantire un futuro ai nostri figli. Approfondiremo la questione all’inizio della prossima settimana, così da presentare un documento condiviso in Consiglio comunale e bloccare ogni tentativo di speculazione a danno dell’ambiente”.

 

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook