Sabato, 01 Ottobre 2022
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca L’affaire parchi eolici a Crotone e Cutro, chieste 4 condanne
VIA COL VENTO

L’affaire parchi eolici a Crotone e Cutro, chieste 4 condanne

di
Requisitoria della Procura generale di Catanzaro nel processo d’appello. Sollecitati 8 anni e 8 mesi per il boss di San Leonardo Giovanni Trapasso
crotone, cutro, parchi eolici, Catanzaro, Cronaca
Giovanni Trapasso

Otto anni e 8 mesi di carcere sono stati sollecitati per il boss di San Leonardo di Cutro, il 74ene Giovanni Trapasso; poi, per il capobastone di Limbadi (Vibo Valentia), il 61enne Pantaleone Mancuso, detto “Scarpuni”, è stata chiesta la conferma della pena comminata in primo grado: 8 anni e 6 mesi di reclusione; mentre 5 anni e 6 mesi di detenzione ciascuno, sono stati proposti per gli altri due imputati: l’imprenditore di Cutro Giuseppe Errico (68 anni) e Riccardo Di Palma, il 50enne industriale di San Lupo (Benevento) patrono della società “La Molisana trasporti”.
Ieri, davanti alla Corte d’Appello di Catanzaro presieduta da Maria Rosaria Di Girolamo, la Procura generale ha chiesto la condanna delle quattro persone coinvolte nel processo di secondo grado scaturito dall’inchiesta diretta dalle Procure antimafia di Catanzaro e Reggio Calabria, “Via col vento”, sulle presunte infiltrazioni delle cosche di ‘ndrangheta nell’affare dei parchi eolici nel Crotonese e Reggino.
Inoltre, per tre accusati – Trapasso, Errico e Di Palma – la pubblica accusa ha avanzato condanne più elevate rispetto a quelle inflitte dal Tribunale di Crotone il 27 aprile 2021.

Leggi l'articolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Catanzaro

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook