Lunedì, 05 Dicembre 2022
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Lamezia, agguato in centro ai fratelli Trovato. I sub al lavoro per trovare la pistola
INDAGINI

Lamezia, agguato in centro ai fratelli Trovato. I sub al lavoro per trovare la pistola

di
Le indagini sull’imboscata di lunedì 7 marzo. Il torrente Piazza scandagliato dai sommozzatori dei carabinieri. La ricognizione subacquea si è conclusa senza un nulla di fatto

Si cerca l’arma utilizzata nell’imboscata. Nella mattinata di ieri i carabinieri del Nucleo subacqueo di Messina hanno scandagliato il letto del torrente Piazza: il corso d’acqua scorre nelle vicinanze di piazza Borelli dove la sera del 7 marzo scorso si è consumato l’agguato ai danni dei fratelli Trovato.
La ricognizione subacquea, durata alcune ore, non ha però dato esito positivo: non è stata infatti ritrovata una delle due pistole che i killer hanno utilizzato durante l’imboscata costata la vita a Luigi Trovato (52 anni) e nella quale è rimasto gravemente ferito il fratello Luciano (37 anni). È stato inoltre raggiunto dai colpi esplosi da Antonio Monteleone e Claudio Paola, gli autori dell’agguato rei confessi, anche un amico dei fratelli Trovato: Pasquale D’Angela di 34 anni.
Proseguono, dunque, le indagini sul terribile fatto di sangue che ha riportato Lamezia indietro nel tempo, a quando i clan rivali si facevano la guerra sparando e uccidendo per le vie cittadine, seminando terrore e distruzione.
L’agguato, dalla dinamica di stampo ‘ndranghetista, ha acceso nuovamente i riflettori su una città dove le consorterie criminali hanno dettato legge per anni dividendosi gli introiti dei traffici illeciti e mostrando il loro volto più duro e spietato.

Leggi l'articolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Catanzaro

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook