Mercoledì, 10 Agosto 2022
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Catanzaro, crescono i prezzi delle materie prime: i panificatori rischiano di fermarsi
ALLARME

Catanzaro, crescono i prezzi delle materie prime: i panificatori rischiano di fermarsi

di
In provincia ci sono ben 150 imprese che occupano oltre 1.500 persone

Prima la pandemia e, proprio quando se ne intravedeva la fine, i venti di guerra. In mezzo gli incrementi dei costi per l’energia e le materie prime che ora si stanno ulteriormente aggravando. Insomma, sulle imprese prima e sulle famiglie poi si sta abbattendo quella che i meteorologi chiamerebbero la “tempesta perfetta” che sta dando e darà luogo a effetti economico-sociali a catena potenzialmente molto seri se non interverranno le adeguate contromisure a livello globale. È di particolare attualità, ad esempio, ciò che sta accadendo in merito alle materie prime per i prodotti da forno. Nella giornata di ieri, il ministero dell’Agricoltura Stefano Patuanelli ha dichiarato: «L’aumento del prezzo del grano è incomprensibile: c’è una speculazione in atto», sottolineando come non sia la guerra a determinare gli incrementi stellari di questi giorni e la presunta scarsità di risorse. A fotografare il fenomeno che ha ricadute, chiaramente, anche a Catanzaro è Antonio Tassone, coordinatore per la Calabria centrale di Assipan Confcommercio: «Oltre all’aumento registrato già tra settembre e ottobre scorsi, il prezzo delle farine di grano tenero è aumentato di un ulteriore 30%, quello delle farine di grano duro del 150%. Ma per valutare pienamente il quadro bisogna aggiungere gli aumenti per la produzione e per la distribuzione: +100% per il gas, +50% per l’energia elettrica, +50% per il carburante, +30% per zuccheri e grassi. Inoltre, le materie prime necessarie, ad esempio, a pezzi di ricambio per i macchinari sono arrivate ad aumentare anche del 300% e le plastiche per il confezionamento del 130%. Senza contare che la scarsità di risorse induce i nostri fornitori a ridurre le garanzie sulle forniture nonostante contratti già siglati: dai 12 mesi garantiti, ora siamo ad appena 2 mesi», spiega.

Leggi l'articolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Catanzaro

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook