Mercoledì, 10 Agosto 2022
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Spilinga, restauro per l’antico acquedotto
L'ATTRAZIONE

Spilinga, restauro per l’antico acquedotto

Iniziati i lavori per la messa in sicurezza del “simbolo” della cittadina del Poro

Il simbolo che identifica Spilinga in ogni cartolina o immagine turistica. L’antico “Acquedotto ad archi”, in pietra da taglio, che sembra rievocare gli antichi acquedotti romani, è senza dubbio l’attrazione culturale più rappresentativa della cittadina del Poro. Quella “cultura contadina” che da secoli viene rappresentata attraverso quadri o vecchie foto dii carri di buoi, al passaggio su quella via in località Salve Regina, ad accompagnare gli agricoltori del posto verso la propria campagna.

E proprio su quell’antico acquedotto, sono iniziati nei giorni scorsi i lavori di restauro, da tanto attesi a causa del logorio inesorabile subito nel tempo, anno dopo anno, e che finalmente ora può essere frenato con gli interventi previsti, grazie ad un finanziamento di 350mila euro, che escluse le varie voci (iva sui lavori, competenze varie, ecc.) prevede dei lavori per 261mila euro.

Un intervento che l’amministrazione comunale, guidata dal sindaco Enzo Marasco, aveva principalmente a cuore cosi come tutti i cittadini spilingesi, considerando appunto l’importanza dell’opera muraria, che risale per l’esattezza ad un periodo tra il 1867 ed il 1871, come racconta in una sua ricerca il professore Agostino Gennaro, che annota come “Filippo Girelli parlando, in un suo scritto dell’epoca, della non poca quantità di acqua di cui era ricco il territorio di Spilinga, scrive che per utilizzarla, bisognerebbe incanalarla, ed a ciò occorrerebbe uno spesato di circa 1500 ducati e che le iniziative delle opere per la conduzione delle acque di Monteporo fu tutta del Comune di Spilinga, consenziente quello di Ricadi concorrente, in consorzio, alla spesa occorrente”. Un’opera, appunto costruita allora per incanalare le acque spilingese e servire la comunità di Ricadi.

“Il progetto – come spiegano il sindaco Enzo Marasco ed il consigliere comunale Pasquale Pugliese, delegato per l’amministrazione a seguire l’opera – riguarda quindi il miglioramento e l’adeguamento sismico dell’acquedotto storico ad archi con il risanamento delle opere ammalorate e la messa in sicurezza, oltre al miglioramento dell’area esterna di pertinenza delle arcate. Prevedendo, altresì, la pulizia generale dell’area, la sistemazione della strada adiacente, l’installazione di attrezzatura di arredo, la pavimentazione della zona centrale delle arcate, che verrà pavimentata con masselli autobloccanti in calcestruzzo con le forme del vecchio lastricato in pietra naturale. Il progetto prevede anche l’installazione di corpi illuminanti a led per l’illuminazione degli archi del tronco centrale con luci a led di ultima generazione che garantiscono il giusto effetto cromatico dell'illuminazione delle arcate”.

Gli interventi nello specifico, saranno tutti predisposti a far mantenere intatta l’immagine attuale dell’acquedotto in pietra da taglio, eliminando oltretutto, i lavori di ripristino non conformi che erano stati fatti precedentemente con mattoni o conglomerati cementizi.

Nel progetto, infatti sono previsti: “Iniezioni di miscele leganti con ristilatura dei giunti ed il consolidamento di murature esistenti mediante il ripristino delle malte nelle parti inconsistenti, cavità o fessure dovuti alla scarsa qualità costruttiva, ad azioni di degrado, che saranno risistemate con un intervento che consiste, appunto, nell’iniezione di miscele leganti fluide di calce idraulica naturale. Intervento svolto con scopi strutturali portando ad un incremento di resistenza della muratura, per migliorarne la durabilità limitando l’infiltrazione di acqua meteorica o di altri agenti degradanti o a fini estetici”.

Ad ogni modo, sottolinea il sindaco Marasco: “Questa sicuramente rappresenta l’opera principale che l’amministrazione comunale aveva prefissato nelle priorità del mandato, sia per il legame storico ed affettivo che riveste per l’intera popolazione spilingese, ma accanto a questa, seppur abbiamo dovuto convivere con la crisi pandemica, in questo primo anno e mezzo, grazie ad una squadra coesa, formata da amministratori di grandi capacità e di impegno costante sul territorio, oltre ai lavori già avviati, ne presenteremo altri nei prossimi giorni con fondi già stanziati, e poi con uno sguardo più in là mireremo a “disegnare” il futuro di questa comunità con alcuni progetti in cantiere che, nella speranza di una probabile approvazione, tracceranno le basi per un vero sviluppo produttivo della nostra piccola cittadina”.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook