Martedì, 06 Dicembre 2022
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Lamezia, ambulatorio Otorino “fuori uso”. Per una visita si è dirottati altrove
IL DISSERVIZIO

Lamezia, ambulatorio Otorino “fuori uso”. Per una visita si è dirottati altrove

di
I pazienti lametini “trasferiti” nelle strutture di Soverato o Sersale. Il personale andato in pensione non è stato ancora rimpiazzato
Catanzaro, Cronaca
L'Ospedale di Lamezia Giovanni Paolo II

Niente visite all’ambulatorio Otorinolaringoiatria dell’ospedale cittadino. Per una visita infatti bisogna andare a chilometri di distanza, in altri piccoli centri come Soverato o Sersale. Una situazione che dimostra come l’ospedale Giovanni Paolo II” fornisca sempre meno prestazioni e soprattutto risposte di salute alla popolazione lametina e dell’hinterland, che conta una popolazione di oltre 140mila persone. A tenere sempre acceso il faro sulle questione sanitarie è l’associazione “Malati cronici del lametino”, che punta il dito contro la politica e chi amministra la sanità. «Passa il tempo, cambiano i presidenti della Regione, cambiano i commissari ai quali è demandata la gestione e organizzazione della sanità calabrese - affermano dall’associazione - ma i pazienti continuano ad essere sballottati come pacchi postali in ogni dove». Disagi in ospedale, principalmente per la carenza di personale medico.

Eppure l’Asp aveva la possibilità di assumere medici, infermieri e tecnici, per via della pandemia che ha sbloccato le assunzioni. Ma non lo ha fatto. Almeno per quello che poteva. Il che avrebbe significato una boccata d’ossigeno per il personale in servizio che è in carenza di organico, e di conseguenza anche migliori risposte sanitarie per la popolazione.

Leggi l'articolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Catanzaro 

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook