Venerdì, 01 Luglio 2022
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Questura di Vibo, nuovi progetti per un impegno che si rinnova
POLIZIA

Questura di Vibo, nuovi progetti per un impegno che si rinnova

di

Lo sguardo fiero di chi guarda l’impegno dei suoi uomini e delle sue donne. Non un impegno comune, però. Perché quella divisa è cucita nel cuore, in ogni muscolo, nella mente che guida ogni azione. E comune non era neanche quella festa che lì nel grande cortile della scuola degli allievi agenti della Polizia di Stato si stava celebrando. Centosettanta anni e non sentirli. Perché è radicata nel passato la storia della Polizia ma è proiettata nel futuro. Al servizio dei cittadini. Accanto a loro, ogni giorno.
“Esserci sempre” il motto, così il giorno dopo la festa è quell’impegno che resta. E resta, così come lo sguardo fiero del questore Raffaele Gargiulo che ai suoi uomini e alle sue donne parla ogni giorno. A loro e alla provincia, dove quello sguardo si posa nella consapevolezza «della necessità di doverci giudicare quotidianamente, per migliorare la qualità del servizio che siamo chiamati ad offrire che – ha sottolineato il Questore – è la sicurezza della collettività, in una terra che ne è assetata».
E se la sicurezza chiama, la Questura risponde. Proprio per questo Gargiulo ha annunciato che si sta «lavorando al progetto di costruzione della nuova Questura che ci consentirà – ha spiegato – di avere in un’unica sede tutti gli uffici della Polizia del capoluogo». Attenzione che non è da meno a Tropea, dove «grazie all’impulso del Prefetto è stata avanzata – ha fatto sapere – la proposta di trasformare l’Ufficio in Commissariato».

Si guarda avanti, oggi come ieri. Da 170 anni. Perché lo sguardo è al futuro. E proprio dall’importanza che la Polizia dà al futuro ha preso forma il progetto che «si sta svolgendo – ha proseguito – in quattordici scuole della provincia “Pretendiamo legalità” che intende diffondere tra i giovani i valori del rispetto delle regole, della solidarietà e dell’inclusione». Giovani in primo piano, nella consapevolezza che dare sicurezza significhi sensibilizzare ed educare alla sicurezza, al vivere civile. Con l’esempio e con la vicinanza e, in questa direzione, il questore ha annunciato che «per dare ai giovani un’altra possibilità di avvicinarsi a un percorso di legalità, questa volta attraverso lo sport, a maggio sarà inaugurata una sezione giovanile delle Fiamme Oro, dove sarà possibile per tutti praticare le discipline del judo e della pesistica».

Leggi l'articolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Catanzaro 

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook