Lunedì, 23 Maggio 2022
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Lamezia, una diatriba su un immobile “risolta” dalle cosche vibonesi
IL DOCUMENTO

Lamezia, una diatriba su un immobile “risolta” dalle cosche vibonesi

di
L’episodio è citato nelle motivazioni della sentenza Scott Rinascita
Catanzaro, Cronaca
L'aula bunker di Lamezia Terme

Una diatriba su un immobile situato in pieno centro a Lamezia, su corso Nicotera, venne “risolta” con l’intervento di due presunti esponenti delle cosche vibonesi condannati in primo grado nell’abbreviato di Scott Rinascita. È uno degli episodi emerso dalla maxi inchiesta della Dda di Catanzaro e cristallizzato nelle motivazioni della sentenza dal gup Carlo Paris depositate nei giorni scorsi. Da una parte ci sono i fratelli Maurizio Umberto e Mario Artusa, noti commercianti di capi d’abbigliamento griffati coinvolti in Rinascita-Scott perché, secondo la Dda di Catanzaro, sarebbero vicini alla ’ndrangheta vibonese. Dall’altra i proprietari dell’edificio dove già c’era stato un punto vendita degli Artusa; si tratta di una famiglia di imprenditori lametini che, scrive la Dda, «per problemi economici e comunque forti di qualche “protezione” mafiosa reggina, decidevano di non rinnovare il contratto di affitto». Ai loro danni si sarebbe consumata una vera e propria estorsione di cui il giudice di primo grado ha riconosciuto colpevoli Pasquale Gallone, ritenuto un fedelissimo del superboss Luigi Mancuso e condannato (per questo e altri capi d’imputazione) a 20 anni di reclusione, e Gregorio Gasparro, presunto esponente di vertice del clan Fiarè-Gasparro-Razionale di San Gregorio d’Ippona e condannato in Rinascita a 16 anni.
Sarebbero stati proprio loro, assieme ad altri soggetti e «in adesione alle pretese degli Artusa», a ottenere alla fine la prosecuzione del contratto di affitto dell’immobile a Lamezia.

Leggi l'articolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Catanzaro

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook