Giovedì, 30 Giugno 2022
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Sangue nel maneggio a Catanzaro, ora si va in aula
LA RICHIESTA

Sangue nel maneggio a Catanzaro, ora si va in aula

di
La Procura ha chiesto il rinvio a giudizio per lo stalliere 29enne accusato di duplice omicidio e lesioni personali

Si aprirà il prossimo 24 maggio l’udienza preliminare a carico di Saleem Mashi, il 29enne stalliere pakistano che colpì con una pala e uccise Giuseppe Sestito e Vincenzo Marino nel centro ippico “Valle dei Mulini”. Il sostituto procuratore Irene Crea ha chiesto il rinvio a giudizio per il cittadino straniero per duplice omicidio e lesioni personali con l’aggravante dell’uso di armi improprie. L’aggressione è avvenuta lo scorso 9 settembre. Sestito morì dopo due giorni di agonia e mentre Marino il 22 settembre, entrambi per «schock traumatico secondario a trauma cranio-facciale con emorragia cerebrale massiva e fratture craniche multiple». A decidere sulla richiesta di rinvio a giudizio sarà il gup Antonella De Simone, il giovane pakistano sarà difeso dall’avvocato Enzo Savaro, mentre le parti civili, i familiari delle vittime, sono assistite dallo studio De Caro e dell’avvocato Vittoria Aversa.

Leggi l'articolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Catanzaro

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook