Mercoledì, 06 Luglio 2022
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Autobomba di Limbadi, false testimonianze delle parti civili e di un consulente
NEL VIBONESE

Autobomba di Limbadi, false testimonianze delle parti civili e di un consulente

di
Depositate le motivazioni della sentenza sul tremendo attentato nel 2018. Trasmissione degli atti al pm da parte dei giudici della Corte d’Assise per le valutazioni a carico dei genitori di Matteo Vinci e del perito
Catanzaro, Cronaca
Rosaria Scarpulla e Francesco Vinci

Rosaria Scarpulla e Francesco Vinci, genitori di Matteo il biologo dilaniato da un’autobomba il 9 aprile del 2018 a Limbadi, rischiano di passare da parti offese a indagati per falsa testimonianza. E con loro anche Mariano Pitzianti, consulente di parte.
Infatti, sebbene lo scorso dicembre, durante la lettura del dispositivo di sentenza, il presidente della Corte d’Assise di Catanzaro (Alessandro Bravin) avesse fatto riferimento alla decisione di trasmettere gli atti all’Ufficio di Procura, per le determinazioni di competenza, sulle dichiarazioni rese in aula dalle parti offese (rappresentate dall’avv. Giuseppe De Pace), oggi le motivazioni della sentenza – emessa nei confronti degli imputati finiti sotto processo per l’autobomba e per aggressioni ai genitori della vittima – mettono nero su bianco quella decisione spiegandone, appunto, i motivi. Il tutto senza nulla togliere alla gravità del delitto compiuto in località “Macrea” di Limbadi per il quale i due presunti mandanti – ovvero Rosaria Mancuso di 66 anni e il genero Vito Barbara, di 31 – sono stati condannati all’ergastolo.

Leggi l'articolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Catanzaro

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook